Cina esorta Europa a 'non interferire' in affari Hong Kong

Portavoce Geng protesta per mozione Parlamento europeo

(ANSA-XINHUA) - PECHINO, 19 LUG - La Cina ha esortato l'Unione europea a rispettare la sovranità della Cina e ad accettare i fatti dopo che ieri il Parlamento europeo ha approvato una mozione riguardo gli affari di Hong Kong.
    Il portavoce del Ministero degli Esteri Geng Shuang ha dichiarato in una conferenza stampa che la Cina ha protestato formalmente con l'Europa: risposta alla mozione approvata ieri a strasburgo che esortava il governo della regione amministrativa speciale a ritirare la legge sulle estradizioni, a rilasciare i manifestanti fermati e ad aprire un'inchiesta "indipendente e imparziale sull'uso della forza da parte della polizia contro la folla".
    Secondo il governo di Pechino, "la mozione non tiene conto dei fatti, confonde il bene e il male e punta il dito sull'amministrazione del governo della Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong nel rispetto della legge e della politica del governo centrale su Hong Kong", ha detto Geng.
    "La parte europea non deve interferire negli affari di Hong Kong in alcuna forma o sostenere criminali violenti che violano l'ordine di Hong Kong con atti violenti, altrimenti finirà solamente per farsi del male", ha detto Geng. (ANSA-XINHUA)

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA