Mondo

Afghanistan: la paura delle pallavoliste, 'aiutateci a fuggire'

'Una giocatrice uccisa il mese scorso, i Talebani ci minacciano'

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Almeno 30 giocatrici della nazionale di pallavolo dell'Afghanistan stanno cercando di fuggire dal Paese, dove temono violenze e rappresaglie da parte dei Talebani per la loro attività sportiva. Lo riporta la Bbc, intervistando alcune atlete che sono riuscite a fuggire all'estero prima della presa del potere da parte dei mullah e sono tuttora in contatto con le ex compagne, per le quali chiedono l'aiuto della comunità internazionale.
    Una di loro, raccontano, è stata uccisa il mese scorso a colpi di pistola. "Sono certa che siano stati i Talebani", dice Sophia, nome di fantasia per proteggere la sua famiglia rimasta in Afghanistan dopo che lei era riuscita a fuggire dal Paese due anni fa. A sua volta, lei era stata minacciata dai Talebani, che le hanno intimato di non fare più sport, finché non è stata accoltellata da due uomini a Kabul.
    Molte delle pallavoliste minacciate raccontano ora di aver bruciato la loro attrezzatura sportiva per evitare che venga trovata dai Talebani, dopo che a molte delle famiglie è stato intimato di non permettere loro di continuare a fare sport.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie