India, record mondiale di casi. Giappone, la nuova emergenza

Oltre 5 milioni i vaccinati con 2 dosi in Israele

Per il secondo giorno consecutivo l'India ha registrato il record mondiale di nuovi casi di coronavirus: 332.730 nelle ultime 24 ore, per un totale di 16 milioni. Lo riporta il Guardian citando i dati del ministero della Sanità. Impennata anche del numero di morti, 2.263 in un solo giorno, 186.920 dall'inizio della pandemia di Covid. Intanto continua l'emergenza ossigeno negli ospedali. A New Delhi sei strutture hanno finito le scorte da ieri sera. 

Medici Senza Frontiere (MSF) riprende le attività di risposta all'emergenza Covid-19 a Mumbai, nello stato del Maharashtra in India, dopo lo scoppio della seconda ondata di contagi. La città è densamente popolata e le precarie condizioni igieniche sono terreno fertile per la diffusione rapida del virus, mentre i contagi in tutto il paese hanno raggiunto un picco di contagi in un giorno, mai visto a livello globale. "La situazione è molto preoccupante", dichiara Dilip Bhaskaran, coordinatore dell'attività di emergenza Covid-19 di MSF a Mumbai. "Questa è la più grande impennata dall'inizio della pandemia. MSF è pronta a potenziare ulteriormente le sue attività per supportare le strutture sanitarie oggi completamente sature". Le équipe mediche di MSF identificano nuovi casi e conducono screening e triage per la prevenzione e il controllo delle infezioni per i pazienti di tubercolosi (TB), all'ospedale Shatabdi e presso una propria clinica. I pazienti affetti da tubercolosi che hanno contratto il Covid-19 vengono trasferiti presso l'ospedale Sewri, mentre i positivi al coronavirus non affetti da TB che necessitano di ricovero vengono trasferiti all'ospedale Jumbo Bandra Kurla Complex (BKC). MSF fornisce inoltre kit di prevenzione, consulenza e follow-up telefonico a pazienti ad alto rischio, inclusi i malati di TB/DR-TB, pazienti affetti da diabete mellito e anziani. Per garantire la continuità delle cure, MSF continua a supportare quattro centri sanitari nel quartiere M-East (MEW) di Mumbai, dove, dal 17 aprile, ha avviato attività digitali di promozione della salute che verranno estese ad altre cinque strutture sanitarie. MSF si sta preparando a supportare maggiormente l'ospedale Jumbo del complesso Bandra kurla che ha allestito due tende con circa 1.000 posti letto di unità di terapia intensiva. MSF continuerà ad offrire supporto medico e tecnico con forniture di ossigeno e cure. 

Tredici pazienti con Covid-19 sono morti stamattina in un incendio scoppiato in un ospedale alla periferia di Mumbai (ex Bombay), la più grande città dell'India. "Diciassette pazienti erano nell'unità di terapia intensiva del Vijay Vallabh Hospital quando è avvenuto il rogo: 13 sono morti e gli altri quattro sono stati trasferiti in altre strutture", hanno comunicato i vigili del fuoco. "L'incendio è stato ora estinto", hanno aggiunto affermando che il rogo è iniziato intorno alle 3 del mattino (le 23:30 di ieri in Italia) GMT) per cause ancora non chiare.

Il Giappone ha dichiarato un nuovo stato d'emergenza per la crisi causata dal coronavirus. La decisione del governo arriva quando mancano solo tre mesi all'inizio delle Olimpiadi. Si tratta del terzo stato d'emergenza dall'inizio della pandemia di Covid-19.

Gli israeliani che hanno ricevuto entrambi le dosi del vaccino Pfizer sono oltre 5 milioni. Lo ha detto il ministro della sanità Yuli Edelstein definendo il fatto "un enorme risultato per il sistema sanitario e i cittadini di Israele". "Insieme - ha aggiunto - stiamo sradicando il coronavirus". Israele ha una popolazione di poco più di 9 milioni di residenti: se si sommano ai vaccinati con due dosi i circa 837mila guariti dal covid si è vicini a 6 milioni.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie