Covid: governatori Brasile a Bolsonaro, dialogare con Cina

Preoccupazione per l'insufficienza della produzione di vaccini

(ANSA) - BRASILIA, 21 GEN - I governatori di 16 dei 27 Stati brasiliani hanno chiesto al presidente, Jair Bolsonaro, di guidare le negoziazioni affinché la Cina aumenti l'invio di vaccini contro il coronavirus in Brasile, dopo l'inizio dell'immunizzazione a livello nazionale con 6 milioni di dosi in un Paese di 210 milioni di abitanti.
    In una lettera, i governatori invitano il capo dello Stato e la diplomazia brasiliana a "compiere un gesto di dialogo con il governo cinese per garantire i tempi di consegna dell'Ingrediente farmaceutico attivo (Ifa) necessario per produrre" in Brasile sia il vaccino cinese, CoronaVac, che quello britannico, Oxford/AstraZeneca.
    Nel testo a cui ha avuto accesso il quotidiano O Globo, i governatori chiedono inoltre che l'azienda farmaceutica nazionale Uniao Quimica sia autorizzata a "produrre il vaccino Sputnik V", di origine russa.
    Le relazioni diplomatiche tra Brasile e Cina sono peggiorate dopo le frequenti dichiarazioni di Bolsonaro contro il vaccino CoronaVac, (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie