Minaccia morte a top manager Huawei ai domiciliari in Canada

Lettera con proiettili per Meng Mengzhou a Vancouver

La responsabile finanziaria del colosso cinese Huawei, Meng Wanzhou, agli arresti domiciliari a Vancouver, in Canada, è stata oggetto di minacce di morte nella forma di proiettili in una lettera. L'episodio è stato denunciato dalla compagnia che garantisce la sicurezza della top manager cinese, riportata da vari media fra cui Bbc.
    Meng, di cui Pechino chiede con insistenza il rilascio, anche alla luce della vertenza degli Stati Uniti contro Huawei, è stata arrestata in Canada, all'aeroporto internazionale di Vancouver, a fine 2018 su richiesta degli Usa con l'accusa di aver aggirato le sanzioni americane all'Iran. Fu messa agli arresti domiciliari dopo essere stata scarcerata dietro al pagamento di una cauzione.
    Meng è impegnata in una causa giudiziaria in Canada per evitare l'estradizione negli Stati Uniti, dove se ne chiede il processo. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie