Pakistan:altra cristiana rapita e fatta convertire all'islam

Violentata e costretta a sposare uno dei sequestratori

Ancora un altro caso di conversione forzata all'islam in Pakistan, dove una ragazza cristiana di 16 anni è stata rapita, violentata, fatta convertire con la forza e poi data in sposa a uno dei suoi rapitori nella provincia del Punjab orientale.
    La vicenda è avvenuta nel distretto di Faisalabad il 28 settembre, quando la giovane è stata rapita da casa sua. La ragazza ha denunciato alla polizia di essere stata portata in una casa dove tre uomini l'hanno violentata per due giorni.
    Successivamente, è stata portata in una madrasa per la conversione e poi in un tribunale locale dove ha firmato il contratto matrimoniale con uno dei rapitori. "Hanno minacciato di uccidere me e la mia famiglia, quindi ho firmato il contratto di matrimonio sotto pressione", ha detto. All'inizio di questa settimana, è riuscita a fuggire e ha chiesto alla polizia di agire contro i suoi rapitori. Ma Baba Intizar Gill, leader della comunità cristiana che si occupa del caso della giovane, spiega per telefono all'ANSA che "dopo 72 ore la polizia non ha ancora registrato la denuncia contro i rapitori".
    All'inizio di questo mese, la polizia, su ordine del tribunale, ha salvato una ragazza cristiana di 13 anni nella città meridionale di Karachi, che sarebbe stata costretta a convertirsi all'islam e poi fatta sposare con un musulmano di 44 anni. Attualmente si trova in una casa di accoglienza, poiché si è rifiutata di andare con i suoi genitori.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie