Mondo

Covid: Bolsonaro,fame è colpa lockdown 'codardi e criminali'

Leader brasiliano condanna restrizioni imposte durante pandemia

(ANSA) - SAN PAOLO, 13 OTT - L'aumento della fame in Brasile è colpa della "politica vigliacca e criminale" di chi ha difeso il motto "restate in casa che dell'economia ci occuperemo dopo": lo ha detto oggi il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, durante la cerimonia di consegna di titoli di proprietà rurali a Miracatu, nell'entroterra di San Paolo.
    "Sono stato forse l'unico leader al mondo a dichiararsi contrario alla politica dei lockdown e ai vaccini obbligatori", ha continuato il leader di estrema destra, accusato di "genocidio" dalle opposizioni per la gestione della crisi legata al coronavirus.
    La crescita dell'inflazione e la disoccupazione colpiscono soprattutto "i più umili", ha continuato Bolsonaro, che ha ricordato di aver destinato l'equivalente di "13 anni di Bolsa Familia" attraverso gli aiuti di emergenza stanziati alle persone meno abbienti rimaste senza reddito durante la pandemia.
    (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie