Covid: ex ministro accusa Bolsonaro,tentò imporre clorochina

Prime audizioni a commissione d'inchiesta su gestione pandemia

(ANSA) - BRASILIA, 05 MAG - L'ex ministro della Salute brasiliano, Henrique Mandetta, ha affermato che, durante la sua gestione del dicastero, il presidente della Repubblica, Jair Bolsonaro, avrebbe insistito affinché venisse incluso il consumo di idrossiclorochina da parte dei pazienti con coronavirus nel foglio illustrativo del farmaco, normalmente usato contro la malaria. L'accusa è stata formulata in audizione alla Commissione parlamentare d'inchiesta (Cpi), istituita al Senato per indagare su eventuali omissioni commesse dal governo federale nella gestione della pandemia.
    Mandetta, del partito conservatore Dem, nel frattempo passato all'opposizione, è stato titolare della Salute tra gennaio 2019 e aprile 2020, tre mesi dopo l'inizio della pandemia. Bolsonaro lo ha rimosso dall'incarico per divergenze sull'uso dell'idrossiclorochina e sulle misure di confinamento sociale.
    Nel frattempo, un altro ex ministro della Salute, il generale Eduardo Pazuello, che avrebbe dovuto essere ascoltato oggi, ha annunciato che non si presenterà davanti alla Cpi. Pazuello - l'ultimo dei ministri ad essere esonerato, ma ancora molto legato al capo dello Stato - ha riferito di essere in quarantena dopo aver avuto contatti con due colonnelli affetti da Covid.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie