Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Africa
  4. Sudafrica: picco Omicron superato senza aumento morti

Sudafrica: picco Omicron superato senza aumento morti

Il Paese africano revoca il coprifuoco notturno

Il Sudafrica, dove il mese scorso è stata rilevata la nuova variante del Covid-19, ha annunciato di aver superato il picco dell'ondata di Omicron senza un aumento significativo nel numero dei decessi.
    "Tutti gli indicatori suggeriscono che il Paese ha probabilmente superato il picco della quarta ondata" della pandemia, ha affermato la presidenza in un comunicato che annuncia anche la revoca di alcune restrizioni sanitarie, in particolare del coprifuoco notturno.
    "Un aumento marginale del numero di morti è stato osservato in tutte le province", viene spiegato. Le nuove contaminazioni sono diminuite di quasi il 30% la scorsa settimana (89.781), rispetto alla settimana precedente (127.753). E i ricoveri ospedalieri sono diminuiti in otto province su nove. "Sebbene la variante Omicron sia altamente trasmissibile, i tassi di ospedalizzazione sono stati inferiori rispetto alle ondate precedenti", ha affermato la presidenza.
    Omicron, con un numero elevato di mutazioni che destano preoccupazioni sulla resistenza ai vaccini, è stata identificata per la prima volta in Botswana e in Sudafrica alla fine di novembre. È diventata rapidamente dominante in Sudafrica, causando un aumento esponenziale del numero di infezioni a oltre 26.000 casi giornalieri a metà dicembre, secondo le statistiche ufficiali. La variante è attualmente presente in circa cento paesi, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).   Estremamente contagioso, colpisce anche le persone che sono vaccinate o che sono già state infettate dal virus. Il Paese africano ufficialmente più colpito, il Sudafrica ha più di 3,4 milioni di casi e 91.000 morti per Covid-19. Nelle ultime 24 ore sono stati rilevati meno di 13.000 casi.

Si riduce anche la fiammata dei contagi in Germania e nell'Europa dell'Est - da dove nei mesi scorsi è partita la fiammata che ha travolto l'intero Vecchio Continente - mentre preoccupa l'andamento dei casi nell'est del mondo. 

L'India ha registrato 22.775 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore: lo ha reso noto oggi il ministero della Sanità, secondo quanto riporta il Guardian. I nuovi dati indicano che le metropoli densamente popolate - come la capitale Nuova Delhi, il centro finanziario di Mumbai e Kolkata - stanno assistendo ad alcuni degli aumenti più forti dell'infezione. Nello Stato del Bengala Occidentale (est), i contagi sono saliti a 3.450 nelle ultime 24 ore (inclusi 16 della variate Omicron) con almeno 1.950 casi segnalati a Kolkata, la capitale. Per cercare di contenere la diffusione del virus, l'ente municipale di Kolkata ha imposto il lockdown in 17 micro zone residenziali dove sono stati rilevati più di cinque casi di contagio.

La Cina ha chiuso l'ultima settimana del 2021 con il più alto numero di casi di coronavirus a livello locale registrato in un periodo di sette giorni da quando ha soppresso la prima ondata di infezioni nel Paese quasi due anni fa. La Commissione sanitaria nazionale, riporta il Guardian, ha segnalato nelle ultime 24 ore 175 nuovi contagi comunitari, un dato che porta il totale dei casi sintomatici locali nella Cina continentale nell'ultima settimana a quota 1.151. L'ondata è stata guidata soprattutto da un focolaio scoppiato nel centro industriale e tecnologico nord-occidentale di Xi'an, una città di 13 milioni di abitanti. La città, da oggi in lockdown per 10 giorni, ha segnato 1.451 casi sintomatici locali dal 9 dicembre scorso, il bilancio più alto per qualsiasi città cinese nel 2021. Come è noto, Pechino ospiterà i Giochi olimpici invernali il mese prossimo.

L'Australia ha iniziato il 2022 con nuovi picchi di coronavirus a causa della rapida estensione di un focolaio negli Stati orientali del Paese: entrambi il Nuovo Galles del Sud e Victoria hanno registrato nelle ultime 24 ore nuovi record giornalieri, rispettivamente di 22.577 e 7.442 infezioni, secondo quanto riporta la Cnn. Allo stesso tempo, nel Nuovo Galles del Sud vi sono stati altri quattro decessi provocati dalla malattia, mentre nello Stato di Victoria i morti sono stati nove. I nuovi dati portano il totale delle vittime a livello nazionale dall'inizio della pandemia oltre quota 2.250. Nel complesso, conteggiando anche in nuovi casi nel Queensland, in Tasmania e nel Territorio della capitale australiana il bilancio giornaliero segna un nuovo record nazionale di 33.161 contagi rispetto ai 32.946 registrati nelle 24 ore precedenti.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie