Mondo

Etiopia: scontri, 700 morti in 18 mesi

Governo attribuisce colpa a opposizioni. Paese in emergenza

(ANSA) - ADDIS ABEBA, 18 APR - 700 persone sono state uccise in Etiopia in un anno e mezzo di violenze che hanno trascinato il Paese del Corno d'Africa nell'attuale stato d'emergenza: lo afferma la Commissione governativa etiopica per i Diritti umani, attribuendo la maggior parte della responsabilità delle violenze e dei morti ai gruppi d'opposizione, specialmente nella regione dell'Oromia.
    Lo scorso agosto, durante una manifestazione, erano rimaste uccise 90 persone, mentre in ottobre in una manifestazione dell'etnia Oromo erano morti in 300. Dopo questa strage è stato decretato lo stato d'emergenza. Organizzazioni per i diritti umani e dell'opposizione accusano il governo di reprimere il dissenso e di ricorrere spesso agli omicidi estragiudiziali. Le proteste erano cominciate nel novembre 2015, con la crescente richiesta di libertà, rispetto dei diritti umani e fine del predominio politico dell'etnia tigrina sulle altre, a cominciare dagli Oromo e Amhara.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie