Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Dalla Polonia all'Ucraina un camion pieno di giocattoli per la festa di San Nicola

Dalla Polonia all'Ucraina un camion pieno di giocattoli per la festa di San Nicola

Nel convento la tradizione non è stata fermata neppure dalla guerra

E' partito all'alba da Rzeszow, Polonia, un camion pieno di regali. Due ore di strada, con in mezzo una delicata frontiera: la destinazione è Zovka, cittadina nell'oblast di Leopoli in Ucraina, dove nel convento delle domenicane si festeggia la grande festa di San Nicola, il 'Babbo Natale' dell'est e del nord Europa, e il suo carico di doni per i bambini non sarà fermato neanche dalla guerra.
"Abbiamo preparato regali per settecento bambini, giocattoli, dolci, matite, pennarelli e quaderni per la scuola e anche frutta per mantenere la tradizione", racconta il responsabile della Croce Rossa di Rzeszow Maciej Maruszak.

 

Il camion di giocattoli per la festa di S.Nicola


Ci sono emergenze tutti i giorni, interventi delicati, dalla cura di malati e feriti all'organizzazione degli aiuti alimentari. Ma se chiama suor Mateusza delle suore domenicane della regione di Leopoli si ferma tutto. Loro, le monache sono gli angeli custodi dei piccoli arrivati a Leopoli a causa della guerra, soprattutto dall'est e dal sud del paese dove l'offensiva russa ha seminato morte e distruzione. E ogni volta che vogliono fare qualcosa di speciale per i piccoli profughi chiedono aiuto agli amici con la giacca rossa del soccorso che vivono subito al di là del confine, in Polonia.
E così i volontari arrivano indossando la barba bianca e l'abito di stoffa luccicante per fare vedere a quei bambini che San Nicola è arrivato anche in questo 2022, l'anno più difficile per l'Ucraina nella storia moderna. E che, come ogni anno, il 6 dicembre, si scartano i regali, si mangia frutta, come vuole la tradizione, scarabocchiando fogli con i pennarelli nuovi.
L'attenzione ai piccoli nella regione di Podkarpacki, in Polonia, la più vicina all'Ucraina, si declina da nove mesi a trecentosessanta gradi. Ci sono i piccoli orfani che "sono stati accolti e protetti" nella cittadina di Stalowa Wola, come riferisce il sindaco Lucjusz Nadbereżny e quelli che vengono curati nell'hub medico dell'aeroporto di Rzeszow per poi essere trasferiti nei maggiori centri pediatrici d'Europa. Ci sono settecento insegnanti ucraini assunti dalla fondazione Pcpm per far sentire i piccoli a casa loro, e quelli che a settembre hanno ricevuto lo zainetto pieno di tutte le cose necessarie per frequentare la scuola. Ci sono poi gli psichiatri e psicologi che assistono i piccoli abusati e che "solo dopo sei o sette incontri riescono a parlare del trauma subito". "Ogni bambino ha la sua storia, noi cerchiamo di dare a tutti il nostro aiuto in attesa che possano guardare al futuro con meno paura", dicono i volontari.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA



Modifica consenso Cookie