Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Asia
  4. Pugno duro della Cina, 'reprimere le proteste' 

Pugno duro della Cina, 'reprimere le proteste' 

Pechino difende ancora una volta le misure di controllo del Covid-19

Il Partito comunista cinese sposa la linea dura contro le proteste anti-Covid del fine settimana. In una riunione tenuta lunedì, la Commissione centrale per gli Affari legali e politici ha chiesto "una repressione" delle "forze ostili", rimarcando la necessità "di risolvere tempestivamente conflitti e controversie ed aiutare le persone a risolvere le difficoltà pratiche". Pechino ha quindi rapidamente avocato a sé lo spinoso dossier, lanciando un inequivocabile monito in vista del prossimo weekend: "Dobbiamo reprimere risolutamente le attività di infiltrazione e di sabotaggio da parte di forze ostili in conformità con la legge, reprimere con determinazione gli atti illegali e criminali che sconvolgono l'ordine sociale e mantenere con efficacia la stabilità sociale complessiva", ha riferito un resoconto diffuso in serata dall'agenzia Xinhua, riportando toni in linea con le minacce del 2019 contro le proteste pro-democrazia di Hong Kong. La mobilitazione del Pcc, in nome delle linee guida del XX Congresso e "della salvaguardia della sicurezza nazionale e della stabilità sociale", è stata ai massimi livelli: la Commissione è il principale organismo di sicurezza cinese e sovrintende alle forze dell'ordine, all'apparato giudiziario e all'intelligence del Dragone. Alla riunione, presieduta da Chen Wenqing (membro del Politburo e segretario della stessa Commissione), hanno partecipato Wang Xiaohong (ministro della Pubblica sicurezza), Zhou Qiang (presidente della Corte suprema del popolo) e Zhang Jun (procuratore generale).

La Cina ha assistito nello scorso fine settimana a proteste su vasta scala che non si vedevano dai tempi della repressione di Piazza Tienanmen del 1989, scatenate dalla rabbia e dalla frustrazione dopo quasi tre anni di applicazione della politica draconiana della 'tolleranza zero' al Covid. Alcuni manifestanti, soprattutto a Shanghai, hanno utilizzato le proteste anche per chiedere una maggiore libertà di espressione, il passo indietro del Pcc e addirittura le dimissioni del presidente Xi Jinping, che a ottobre ha ricevuto un inedito terzo mandato di fila a capo del partito e quindi dello Stato. Sul fronte della sicurezza, la polizia ha cominciato gli interrogatori dei manifestanti arrestati, sollecitando i partecipanti identificati a "fornire chiarimenti", in base a quanto appreso dall'ANSA. Londra, invece, ha convocato l'ambasciatore cinese per l'arresto del reporter della Bbc Ed Lawrence, picchiato dagli agenti a Shanghai, dove stando ai video sui social le forze dell'ordine hanno cominciato a ispezionare gli smartphone alla ricerca di app vietate come Twitter e WhatsApp. La stretta ha interessato anche i social media in mandarino con la censura rafforzata del Great Firewall. Sempre a Shanghai, la Urumqi Road, cuore delle proteste, è ora presidiata dalla polizia, così come altri luoghi sensibili a Pechino, tra Liangmaqiao e il cavalcavia di Sitong. Nel frattempo, la Cina ha difeso ancora la linea della 'tolleranza zero', annunciando un nuovo piano per accelerare i vaccini anti-Covid per poter aumentare la protezione degli anziani, a partire dagli ultraottantenni. I massimi funzionari sanitari si sono impegnati "a rettificare le misure di controllo" del Covid-19 per ridurne l'impatto sulla vita delle persone, imputando la frustrazione pubblica ai funzionari locali. Nel primo briefing dalle proteste, Cheng Youquan, direttore del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha riferito che i lockdown dovrebbero essere revocati "il più rapidamente possibile". Mentre "alcuni problemi" non sarebbero dovuti alle misure, ma alla loro applicazione da parte dei funzionari locali che adottano un "approccio unico per tutti", senza ascoltare le richieste della gente. In questo contesto di tensione, il primo dicembre è atteso a Pechino il presidente del Consiglio europeo Charles Michel su invito del presidente Xi Jinping: molte le pressioni perché cancelli il suo viaggio, ha riferito Politico, per far sentire la voce critica dell'Europa sul diritto a manifestare.

La Cina ha difeso ancora una volta le misure di controllo del Covid-19 e la tutela dei diritti civili nel Paese, in risposta alle critiche sull'uso regolare della capacità di sorveglianza e sicurezza di vasta portata per reprimere il dissenso. "La Cina è un Paese con uno stato di diritto, i cittadini cinesi godono di vari diritti e libertà che sono completamente protetti dalla legge", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian, quando gli è stato chiesto ancora una volta nel briefing quotidiano un commento sulle proteste del weekend. "Tutti i diritti e le libertà dovrebbero essere esercitati nel quadro della legge", ha aggiunto.

I massimi funzionari sanitari cinesi si sono impegnati a rettificare le misure di controllo del Covid-19 per ridurre il loro impatto sulla vita delle persone, imputando la frustrazione pubblica contro le misure draconiane all'applicazione da parte dei funzionari locali che adottano un "approccio unico per tutti". Nel primo briefing a Pechino con i media dalle proteste del weekend registrate in tutto il Paese, Cheng Youquan, direttore del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha detto che i lockdown per stroncare la diffusione del virus dovrebbero essere revocati "il più rapidamente possibile". Mentre "alcuni problemi" segnalati di recente, ha aggiunto Cheng, non sono dovuti alle misure, ma alla loro applicazione da parte dei funzionari locali che adottano un "approccio unico per tutti", osservando poi che alcuni controlli sono stati implementati "in modo eccessivo", senza ascoltare le richieste della gente. I funzionari presenti alla conferenza stampa non hanno affrontato direttamente il nodo delle proteste, ma il portavoce della Commissione sanitaria nazionale Mi Feng ha affermato che i governi dovrebbero "rispondere e risolvere le ragionevoli richieste delle masse" in modo tempestivo. Alla domanda se il governo centrale stia riconsiderando le sue politiche anti-Covid, Mi ha replicato che le autorità "hanno studiato e adattato le misure di contenimento della pandemia per proteggere al massimo l'interesse delle persone e limitare il più possibile l'impatto sulle persone stesse". All'inizio del mese, la Cina ha annunciato 20 misure intese a semplificare i controlli sanitari e di prevenzione del Covid-19, a correggere le "misure politiche eccessive" intraprese dalle autorità locali, che sono sotto la pressione di Pechino per tenere sotto controllo il numero di casi di infezione nei propri territori.

 

 

 

 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie