Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Ucraina, al via l'evacuazione dei civili dall'acciaieria Azovstal. Zelensky: '100 civili già fuori, Mosca conferma'

Ucraina, al via l'evacuazione dei civili dall'acciaieria Azovstal. Zelensky: '100 civili già fuori, Mosca conferma'

Rinviata a domani l'evacuazione dei residenti lontani da Azovstal. Comincerà domani mattina alle 8. Il Presidente della Duma, confiscare le aziende dei paesi non amici

L'operazione di evacuazione dei civili dall'acciaieria di Azovstal, a Mariupol, "continua" anche oggi. Lo afferma un portavoce dell'Onu a Ginevra, riferiscono i media internazionali. "Le Nazioni Unite confermano che è in corso l'evacuazione presso il complesso siderurgico di Azovstal, in coordinamento con la Croce Rossa e le parti in conflitto", ha detto Jens Laerke, portavoce dell'Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari. Il funzionario ha sottolineato di non poter fornire altri dettagli per motivi di sicurezza. Circa 100 civili sono stati evacuati dall'acciaieria di Azovstal, a Mariupol. Lo afferma il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky. "Il primo gruppo di circa 100 persone si sta già dirigendo verso l'area controllata. Domani li incontreremo a Zaporizhzhia. Grati al nostro team. Ora, insieme all'Onu, stanno lavorando all'evacuazione di altri civili dall'impianto", ha twittato il presidente. Il ministero della Difesa russo ha confermato l'evacuazione di civili dall'acciaieria di Azovstal a Mariupol, aggiungendo che sono stati consegnati ai rappresentanti dell'Onu e della Croce rossa. Lo riferisce l'agenzia Interfax. L'evacuazione, sottolinea il ministero della Difesa, riguarda "i civili che volevano partire per raggiungere il territorio controllato da Kiev".

 Invece, per i residenti fuori da Azovstal, è  stata rinviata a domani, "per motivi di sicurezza", l'evacuazione dei civili che intendono lasciare Mariupol e che si trovano in parti della città. Lo annuncia il Consiglio comunale citato dall'agenzia ucraina Unian. L'evacuazione dovrebbe cominciare alle 8 del mattino da un'area vicina al centro commerciale Port City. In precedenza il Consiglio comunale aveva annunciato che l'evacuazione sarebbe cominciata oggi alle 16.

Copenaghen ha denunciato la violazione dello spazio aereo danese da parte di un aereo da ricognizione russo e ha convocato l'ambasciatore russo in merito alla questione. Lo rende noto il capo della diplomazia danese. "L'ambasciatore russo verrà convocato domani al ministero degli Esteri. Un'altra violazione russa dello spazio aereo danese. Questo è del tutto inaccettabile e particolarmente preoccupante nella situazione attuale", ha scritto Jeppe Kofod su Twitter. L'incidente è avvenuto venerdì sera quando un aereo da ricognizione russo è volato nello spazio aereo danese a est di Bornholm (isola baltica danese) prima di entrare nello spazio aereo svedese, quest'ultima parte dell'episodio è stata resa nota ieri dalla difesa svedese.

La Russia dovrebbe rispondere in maniera simmetrica al congelamento dei beni russi da parte di "nazioni non amiche", confiscando i loro beni che si trovano in Russia, ovvero le aziende: lo afferma su Twitter il presidente della Duma (parlamento) russa, Vyacheslav Volodin. "E' giusto rispecchiare le misure verso quelle aziende in Russia i cui proprietari vengono da paesi non amici dove misure simili sono state adottate: confiscando quelle proprietà", scrive.

Non cessano gli attacchi nell'Ucraina occupata, dove ieri missili russi hanno distrutto una pista dell'aeroporto di Odessa. Nuove immagini satellitari mostrano edifici in macerie nel complesso dell'acciaieria Azovstal di Mariupol, dove un primo gruppo di una ventina di civili, tra cui donne e bambini sono riusciti a evacuare mentre centinaia di soldati e altri civili restano bloccati al suo interno. Nella notte, sul fronte opposto, Mosca diffonde un video affermando di avere le prove di un attacco dei nazionalisti ucraini nella regione di Kherson; avrebbe preso di mira una scuola e un asilo, con morti e feriti.
    Ma è la violazione dello spazio aereo svedese da parte di un aereo di ricognizione russo a dare la misura dell'allargamento del conflitto. Un evento 'totalmente inaccettabile' - secondo il ministro della Difesa svedese di Stoccolma Hultqvist -. Questa azione - ha detto chiedendo il rispetto della sovranità del Paese - viola le regole e, data la situazione generale della sicurezza, è molto inappropriata".
    Sul fronte diplomatico ben poco si muove: se l'Unione europea si appresta a varare un sesto pacchetto di sanzioni che potrebbe includere una riduzione delle importazioni di gas e petrolio, la visita di ieri del portavoce di Ankara a Kiev si è conclusa senza alcun annuncio.
    Il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba in un'intervista a Xinhua chiede alla Cina di entrare a far parte di un gruppo di Paesi garanti del processo di pace ma sottolinea che dopo gli incontri di Istanbul i negoziati si sono fatti "molto più difficili" e che "l'unico modo per riportare la pace in Ucraina è ripristinare la sovranità di Kiev sull'intero territorio del Paese". Un concetto ribadito a modo suo dal presidente ucraino Volodymir Zelensky nel suo ultimo post della giornata: "L'Ucraina sarà libera, e su tutte le città temporaneamente occupate" tornerà a sventolare la bandiera ucraina. A Kiev il segretario di Stato Usa Antony Blinken ribadisce il totale sostegno degli Stati Uniti. Boris Johnson si dice pronto a far di tutto perchè "Putin fallisca" nelle sue mire.

    Putin sarebbe pronto ad abbandonare il termine 'operazione militare speciale' e ad annunciare il 9 maggio, durante la parata del Giorno della Vittoria, che è in atto una 'guerra totale' all'Ucraina. Intanto uno studio commissionato ad alcuni esperti dal governo britannico - scrive la Reuters sul suo sito - avrebbe portato alla luce una fabbrica di troll russi usati come arma di disinformazione. Tracce ne sarebbero state trovate in otto social network, tra cui Telegram, Twitter, Facebook e TikTok. Diffondevano commenti filorussi sui profili di ministri britannici e altri leader mondiali critici verso Mosca.

L'esercito russo ha ucciso a Mariupol il doppio delle persone che furono uccise dai nazisti durante la seconda guerra mondiale: lo afferma il sindaco Vadym Boychenko in una nota pubblicata su Telegram dal Consiglio comunale della città ucraina. "Nell'arco di due anni, i nazisti uccisero circa 10.000 civili a Mariupol. Gli occupanti russi ne hanno uccisi 20.000 in due mesi. Oltre 40.000 persone sono state trasferite con la forza", dichiara il sindaco, citato dal Consiglio. "E' uno dei peggiori genocidi di una popolazione pacifica della storia moderna", aggiunge.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie