Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. Ad Azovstal una 'catastrofe umanitaria', il punto alle 17

Ad Azovstal una 'catastrofe umanitaria', il punto alle 17

Oltre 600 feriti ancora nell'ospedale da campo dell'impianto

"Oltre 600 feriti sono ancora nell'ospedale da campo dello stabilimento di Azovstal". Lo fa sapere il sindaco di Mariupol Vadym Boychenko, secondo quanto riposta il Kyiv Independent, accusando i russi di continuare ad usare armi pesanti. "Prima che venisse bombardato l'ospedale - ha aggiunto - il numero dei feriti era di 170, ora sono oltre 600". La situazione nell'acciaieria assediata di Azovstal è "più di una catastrofe umanitaria". Lo ha detto alla Cnn un comandante ucraino dall'interno della fabbrica. Il maggiore Serhiy Volyna ha spiegato che nella fabbrica ci sono ancora centinaia di persone, inclusi 60 giovani, il più piccolo dei quali ha 4 mesi.

A causa dell'attacco russo che ha colpito l'ospedale, ha spiegato, nell'acciaieria sono rimasti senza equipaggiamento medico essenziale, c'è "poca acqua e poco cibo". Su una possibile evacuazione dei civili oggi, Volyna ha invece detto di non "conoscere i dettagli". Un consigliere del sindaco di Mariupol ha detto che soldati russi hanno chiuso una piazza a nord dell'impianto siderurgico, il che "può significare un nuovo tentativo di assaltare l'impianto, oppure ulteriori scontri in strada".

Gli attacchi missilistici russi a Kiev durante la visita del segretario generale dell'Onu Guterres sono l'equivalente di Putin che mostra il dito medio. Lo ha detto il sindaco di Kiev Vitali Klitschko citato dalla Bbc. Mosca ha confermato di aver preso di mira la capitale ieri sera, compreso un impianto di produzione di missili. Ma non ha commentato l'attacco a un edificio residenziale in cui una donna, giornalista di Radio Svoboda, è rimasta uccisa.

Nessun leader straniero è stato invitato a Mosca quest'anno per partecipare ai festeggiamenti del Giorno della Vittoria del 9 maggio, celebrazione che ricorda la vittoria militare dell'Unione Sovietica sulla Germania nazista. Lo ha detto il Cremlino citato dalla Tass. La Cina esprime il suo apprezzamento per gli sforzi di mediazione del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres nella guerra tra Russia e Ucraina, ribadendo il sostegno ai negoziati tra Mosca e Kiev: il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian, alla richiesta di commenti sulla missione in Russia e Ucraina di Guterres, ha sollecitato, senza mai citare il bombardamento di Kiev quando il segretario Onu era in visita, "di concentrarsi sul dialogo e non sulle sanzioni" e di "promuovere la fine del conflitto e l'arrivo della pace". La Cina "è disposta a collaborare con tutti per continuare a svolgere un ruolo costruttivo".

Due volontari britannici che forniscono assistenza umanitaria in Ucraina sono stati catturati dall'esercito russo. Lo riferisce l'organizzazione umanitaria Presidium Network, citata dalla Bbc. Si chiamano Paul Urey e Dylan Healy. L'organizzazione ha spiegato che i due, catturati a un posto di blocco dell'esercito russo vicino alla città di Zaporizhzhia, erano impegnati nella "consegna di aiuti umanitari" e in operazioni di evacuazione di "una famiglia ucraina". Stando a fonti di Mosca, Urey e Healy - interrogati e portati frattanto in un luogo di detenzione ignoto - sarebbero viceversa "spie". Il Regno Unito sta inviando una squadra di esperti per collaborare con le autorità di Kiev nelle indagini sui presunti crimini di guerra commessi dalle truppe russe in Ucraina.

"L'approvazione da parte del Congresso americano di una proposta di legge che permette di usare asset della Russia per aiutare l'Ucraina è una decisione rabbiosa, un pericoloso precedente di espropriazione della proprietà privata". Lo afferma il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, citato da Interfax.

"Vladimir Putin non dovrebbe essere invitato al G20". Lo ha detto il portavoce del Pentagono, John Kirby, in un'intervista alla Cnn. "Putin ha isolato la Russia, deve pagare per le conseguenze di quello che ha fatto e sta facendo", ha sottolineato. "Chiediamo agli americani di non andare in Ucraina, è una zona di guerra. Se volete sostenere gli ucraini ci sono altri modi", ha aggiunto Kirby, commentando la notizia di un contractor americano ucciso in battaglia mentre combatteva al fianco delle forze di Kiev. 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie