Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. A Tahiti scoperta una barriera con coralli giganti a forma di rosa

A Tahiti scoperta una barriera con coralli giganti a forma di rosa

L'ha trovata una missione scientifica promossa dall'Unesco

Coralli giganti a forma di rosa che si estendono a perdita d'occhio, è la barriera corallina tra le più grandi al mondo scoperta al largo della costa di Tahiti. La barriera, che si trova ad una profondità compresa tra i 30 e i 65 metri, è in perfette condizioni secondo gli esperti della missione di ricerca scientifica promossa dall'Unesco nell'ambito del programma di ricerche delle Nazioni Unite per mappare gli oceani.

 

"Fino ad oggi, conosciamo la superficie della luna meglio delle profondità dell'oceano. Solo il 20% del fondo marino totale è stato mappato. Questa straordinaria scoperta a Tahiti dimostra l'incredibile lavoro degli scienziati che, sotto l'egida dell'UNESCO, aumentano la nostra conoscenza di ciò che si trova sotto i nostri piedi ", ha dichiarato il direttore generale dell'UNESCO Audrey Azoulay. L'ampiezza della barriera che si estende per circa 3 chilometri ed è larga tra i 30 e i 60 metri, con coralli del diametro di 2 metri la rendono una delle barriere coralline sane più grandi mai scoperte.

Il responsabile della missione Alexis Rosenfeld, fotografo francese e fondatore della campagna 1 Ocean, ha dichiarato "è stato magico poter osservare questi bellissimi coralli giganti a forma di rosa che si estendono a perdita d'occhio. Era come un'opera d'arte". ' 'Si tratta di una scoperta straordinaria - ha aggiunto - perché, finora, la stragrande maggioranza delle barriere coralline conosciute nel mondo si trovano a profondità fino a 25 metri. Questa scoperta sembra quindi indicare che esistono molte altre grandi scogliere, situate a profondità superiori ai 30 metri, in quella che viene chiamata la "zona crepuscolare" dell'oceano, di cui semplicemente non conosciamo l'esistenza''.

Le barriere coralline sono un'importante fonte di cibo per altri organismi e la loro posizione può fornire protezione contro l'erosione costiera e gli tsunami.

"La Polinesia francese ha subito un grave episodio di sbiancamento nel 2019, ma questa barriera corallina non sembra essere stata colpita in modo significativo dal fenomeno. Inoltre, le condizioni perfette in cui si trova sono una buona notizia per gli interventi di conservazione", ha detto Laetitia Hédouin, del Centro nazionale per la ricerca scientifica (CNRS) e dell'organizzazione di ricerca internazionale CRIOBE, che ha partecipato alla missione. "Pensiamo - ha aggiunto - che le barriere coralline più profonde possano essere meglio protette dal riscaldamento globale".

In totale, il team ha fatto circa 200 ore di immersioni per studiare la barriera corallina ed è stato in grado di assistere alla deposizione dei coralli. Altre immersioni sono previste nei prossimi mesi per continuare la ricerca sulla barriera delle rose. 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie