Mondo

La Corea del Nord testa il nuovo missile ipersonico

Ma Seul minimizza: 'E' ancora nella fase iniziale di sviluppo'

La Corea del Nord ha annunciato la sperimentazione riuscita di un "missile ipersonico planante", il Hwasong-8, capace di soddisfare "tutte le specifiche tecniche dei requisiti di progettazione". Come da copione, l'agenzia ufficiale Kcna ha dato i dettagli principali all'indomani del test dal "grande significato strategico" poiché Pyongyang cerca di aumentare le sue capacità di difesa per "mille volte". "La stabilità del motore e del serbatoio del carburante per missili, introdotto per la prima volta, è stata confermata", ha aggiunto la Kcna, senza menzionare la presenza del leader Kim Jong-un alle operazioni di lancio, ma provvedendo a rimarcare la presenza di Pak Jong Chon, stretto collaboratore del leader promosso a inizio settembre nel Politburo del Comitato centrale. L'agenzia ha diffuso anche una foto del missile ipersonico, parte del piano "portato avanti secondo un processo di sviluppo sequenziale, scientifico e affidabile". Il Comando di Stato maggiore congiunto sudcoreano, tuttavia, ha gettato acqua sul fuoco, chiarendo in una nota a stretto giro dal dispaccio della Kcna che la Corea del Nord "sembra essere in una fase iniziale di sviluppo che richiederebbe un tempo considerevole per il suo dispiegamento effettivo", in base alla velocità rilevata e ad altre caratteristiche. In altri termini, può essere intercettato dalle attuali risorse militari di Seul e di Washington. Il missile del Nord ha toccato una velocità di circa Mach 3, quando uno ipersonico dovrebbe arrivare ad almeno Mach 5: viaggiare a più di 10 volte la velocità del suono rende i vettori difficilmente intercettabili da parte dei sistemi di difesa missilistica esistenti. Uno scenario che, a prescindere dal reale livello di minaccia, porta altra incertezza sulla sicurezza regionale, in aggiunta alla conferma della determinazione di Kim sugli armamenti, dato che in una riunione del Partito dei Lavoratori di gennaio fu ufficializzato l'impegno a introdurre una "testata a volo planante ipersonico". Intanto, Pyongyang ha aperto ieri la sessione parlamentare avendo in agenda questioni economiche e di altro tipo. La riunione dell'Assemblea suprema del popolo è maturata pochi giorni dopo il messaggio della sorella del leader, Kim Yo-jong, di riconciliazione a Seul, includendo la prospettiva di un vertice intercoreano a patto di un cambio di attitudine del Sud con l'abbandono della politica "dei due pesi e delle due misure". L'incontro si è concentrato su questioni interne, come l'adozione di leggi sull'educazione dei giovani e le modifiche al piano economico nazionale, secondo la Kcna. Assente il supremo comandante, in fuga dagli eventi pubblici: l'ultima sua presenza riportata è del 9 settembre, giorno dei solenni festeggiamenti per i 73 anni della fondazione dello Stato, l'inedita e coreografica parata paramilitare.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie