Mondo

Canada, stop a 300.000 dosi di J&J

Sospetti sulla qualità delle dosi prodotte in Usa

Il Canada ha annunciato che rinuncerà alla distribuzione del lotto di 300.000 dosi del vaccino anti-Covid di Johnson & Johnson ricevuto all'inizio di quest'anno, a causa di "preoccupazioni" legate alla sua produzione in un laboratorio statunitense.
    Questo vaccino Janssen è stato approvato da Ottawa a marzo e le prime 300.000 dosi sono state ricevute il mese successivo, ma il Ministero della Salute ne ha immediatamente sospeso la distribuzione a causa di sospetti sulla qualità del prodotto. "A causa delle preoccupazioni sollevate su una sostanza farmaceutica sviluppata presso la struttura Emerging BioSolutions di Baltimora, nel Maryland, Health Canada non distribuirà il lotto ricevuto al fine di proteggere la salute e la sicurezza dei canadesi e delle canadesi", ha affermato il ministero in una nota.
    Questa sostanza è stata "contaminata con componenti di un altro vaccino" al momento della produzione e dopo l'esame delle fiale, le autorità sanitarie canadesi hanno concluso che non soddisfa gli standard.
    Una delegazione "ispezionerà" lo stabilimento del Maryland questa estate e il Canada non accetterà nuove consegne di vaccini da questa struttura fino ad allora. Poche ore prima, le autorità sanitarie statunitensi avevano annunciato che avrebbero dovuto essere scartati "diversi lotti" di vaccini Johnson e Johnson prodotti in questo stabilimento di Baltimora, circa 60 milioni di dosi secondo il New York Times.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie