• Usa, nuove sanzioni contro Russia. Mosca convoca l'ambasciatore

Usa, nuove sanzioni contro Russia. Mosca convoca l'ambasciatore

Biden firma un ordine esecutivo. 'Puniremo ancora Mosca se continua a destabilizzare'. Espulsi 10 diplomatici russi. Le sanzioni colpiscono anche debito sovrano russo. Mosca: 'la risposta sarà inevitabile'

Joe Biden usa bastone e carota con Vladimir Putin. Dopo avergli dato del "killer", gli ha proposto un summit in un Paese terzo ma oggi ha annunciato nuove misure contro la Russia per le sue interferenze nelle presidenziali a favore di Donald Trump e per il cyber attacco SolarWinds che ha hackerato numerose agenzie governative e società private: 32 tra individui ed entità russi legati al governo e all'intelligence sono stati sanzionati mentre dieci diplomatici di Mosca, in gran parte identificati come 007, sono stati cacciati dall'ambasciata a Washington.

"Non possiamo permettere a stati stranieri di interferire nella nostra democrazia, e sono pronto a prendere ulteriori azioni contro la Russia se continuerà a farlo": lo ha detto Joe Biden commentando le ultime sanzioni contro Mosca varate dalla sua amministrazione.

E' arrivato il momento di fermare l'escalation tra Stati Uniti e Russia: è l'appello lanciato dal presidente americano Joe Biden al presidente russo Vladimir Putin, dopo le ultime sanzioni dell'amministrazione Usa a Mosca. "E' l'ora di lanciare un dialogo sulla stabilità", ha aggiunto Biden.

Gli Usa - insieme a Ue, Gran Bretagna, Canada e Australia - hanno sanzionato anche 8 individui ed entità legati all'occupazione russa in Crimea. Si tratta delle prime espulsioni e del secondo round di sanzioni dell'esecutivo Biden contro Mosca, dopo quelle per l'avvelenamento e l'incarcerazione dell'oppositore Alexiei Navalni.

Ma questa volta c'è dell'altro, nel tentativo di graffiare di più a scopo deterrente. Firmando un ordine esecutivo nel quale definisce le attività destabilizzanti russe come una "minaccia inusuale e straordinaria alla sicurezza nazionale, alla politica estera e all'economia degli Stati Uniti", il presidente Usa ha colpito anche il debito sovrano russo: vietando alle istituzioni finanziarie americane di acquistare direttamente bond emessi da Mosca e riservandosi il diritto di allargare questo tipo di sanzioni se persisteranno le attività destabilizzanti del Cremlino. Una mossa che rischia di complicare la capacità russe di raccogliere denaro nei mercati finanziari internazionali, anche se l'80% dei 190 miliardi di dollari di titoli emessi entro fine anno è detenuto da investitori locali. La pandemia e il calo del prezzo del petrolio, principale motore dell'economia russa, hanno reso Mosca più vulnerabile alle sanzioni finanziarie, benché la ripresa dell'oro nero nel primo trimestre di quest'anno abbia consentito al bilancio federale di tornare in surplus. Inoltre gli Usa hanno indicato ufficialmente per la prima volta l'Svr, la Cia russa, come responsabile dell'operazione SolarWinds, e hanno usato anche misure "non visibili" in risposta all'hackeraggio, come ha sottolineato il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan. La Nato e l'Ue hanno espresso solidarietà agli Usa per le misure intraprese, mentre Mosca ha reagito duramente, convocando l'ambasciatore americano e preannunciando una rappresaglia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie