• Irlanda: premier, con violenza Nord rischio ritorno anni bui

Irlanda: premier, con violenza Nord rischio ritorno anni bui

Il premier: 'Abbiamo il dovere di non entrare in questa spirale'

(ANSA) - BELFAST, 10 APR - Il premier irlandese Micheal Martin ha messo in guardia contro una possibile "spirale" che minaccia la pace in Irlanda del Nord, dopo una decina di giorni di violenze, in un clima di tensioni esacerbate dalla Brexit.
    Nel giorno del 23/o anniversario dell'Accordo del Venerdì Santo che nel 1998 pose fine al conflitto pluridecennale tra repubblicani, principalmente cattolici, a favore della riunificazione con l'Irlanda, e protestanti unionisti, ferventi difensori dell'appartenenza al Regno Unito, "abbiamo il dovere - ha sottolineato Martin - di non entrare in una spirale che ci riporti agli anni bui degli omicidi settari e della discordia politica. Quelli di noi che hanno responsabilità politiche sono responsabili di fare in modo che ciò non avvenga".
    Per diversi giorni l'Irlanda del Nord è stata scossa da violenze senza precedenti da diversi anni, soprattutto nelle zone lealiste a maggioranza protestante dove le conseguenze dell'uscita dall'Unione Europea alimentano un sentimento di tradimento e amarezza. Decine di agenti di polizia sono rimasti feriti.
    Gli unionisti venerdì hanno chiesto la fine delle proteste per "rispetto della regina e della famiglia reale" dopo la morte del marito di Elisabetta II, il principe Filippo. Alcuni scontri si sono comunque verificati nella serata anche se di entità minore rispetto all'inizio della settimana. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie