Mondo

Gb, Johnson: 'Fuori dal lockdown a piccoli passi, serve cautela'

Primi allentamenti del lockdown in Gb, 34 milioni i vaccini

L'alleggerimento dal lockdown iniziato in Inghilterra "è un piccolo passo reso possibile da mesi di sacrifici" e permette di "sfruttare il bel tempo" per fare ad esempio più esercizio sportivo all'aperto, ha detto Boris Johnson nel briefing di giornata, annunciando anche personalmente l'intenzione di tornare a giocare a tennis, ma non senza ammonire che il percorso avviato deve proseguire "con cautela". Il premier ha infatti notato che la seconda ondata di contagi è ancora in ascesa "nel continente", mentre ha insistito sulla necessità "vitale" di continuare con i vaccini, inclusi i richiami e a partire dai "più vulnerabili".

Zero morti conteggiati per Covid domenica a Londra, come non succedeva da sei mesi: lo confermano i dati disaggregati diffusi da Public Health England ripresi dai media del Regno, dopo che le cifre nazionali diffuse domenica su un totale di decessi giornalieri ridotto a 19 in tutto il Regno Unito. L'indicazione si giova del ritardo statistico su parte dei dati del weekend, ma comunque conferma una tendenza al calo delle vittime ai minimi da inizio pandemia. I medici londinesi parlano di risultato "fantastico" notando la parallela riduzione dei ricoveri, con non più di una media di "1 o 2 morti ogni due giorni" nelle terapie intensive.

E torna in vigore in Inghilterra la cosiddetta 'regola del 6', che allarga la possibilità dei contatti sociali fino a 6 persone di due nuclei familiari diversi, nell'ambito dell'allentamento graduale e a tappe del lockdown (in vigore da ormai tre mesi) annunciato da Boris Johnson nelle scorse settimane: allentamento che resta comunque cauto e condizionato all'andamento "dei dati, non a date" prestabilite, come ribadito nelle scorse ore dallo stesso premier Tory britannico, malgrado il Regno Unito continui a correre sul fronte dei vaccini con quasi 34 milioni di dosi somministrate (oltre 30 milioni di persone sottoposte alla prima iniezione, secondo l'aggiornamento di ieri, e oltre 3 milioni e mezzo di richiami). 

L'altra novità - dopo la riapertura delle scuole d'inizio marzo - riguarda la ripresa delle attività sportive individuali all'aperto (tennis o golf). Mentre restano per ora chiusi negozi non essenziali, pub, ristoranti (salvo asporto), cinema, teatri, piscine e luoghi d'intrattenimento. Per negozi e parrucchieri la riapertura, se la tendenza al calo dei contagi da Covid proseguirà, è fissata per il 12 aprile, quando tornerà ad essere consentito anche il servizio solo all'aperto in pub e ristoranti; mentre per cinema, teatri e locali al chiuso se ne riparlerà nella seconda metà di maggio, quando potrebbero essere riviste pure alcun vincoli sui viaggi interni. Per i viaggi internazionali, l'attività alberghiera e gli eventi pubblici collettivi una speranza di normalizzazione è indicata non prima del 21 giugno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie