Spunta la terza accusatrice, i dem scaricano Cuomo

Monta la richiesta di dimissioni, le donne del partito in rivolta

Un'accusa di molestie è pesante per un politico. Ma tre, di cui due in meno di una settimana, sono una valanga in grado di far saltare la poltrona. Ed è proprio questa la situazione in cui si ritrova Andrew Cuomo: una terza donna lo ha accusato di avance inappropriate, complicando ulteriormente la sua posizione e alimentando il coro di voci che ne chiede le dimissioni da governatore di New York.

A scaricare Cuomo è anche il suo stesso partito: i democratici hanno ormai preso le distanze dal governatore, capitanati dalle donne. Dalla speaker della Camera Nancy Pelosi all'ex first lady Hillary Clinton passando per la popolarissima Alexandria Ocasio-Cortez ed Elizabeth Warren, tutte le democratiche chiedono un'indagine approfondita su quelle che ritengono accuse "credibili". E un'indagine ci sarà. Il procuratore di New York, Letitia James, ha ricevuto tutte le carte per far partire l'inchiesta indipendente e far luce sullo scandalo, il cui esito potrebbe avere effetti devastanti per la carriera politica di Cuomo.

Se Cuomo dovesse lasciare, il suo posto sarebbe preso dalla sua numero due, Kathy Hochul, che diventerebbe la prima donna governatrice di New York.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie