Vaccini: studio Israele, Pfizer efficace al 94%

Ricerca su 1,2 milioni di persone, 'la prima nel mondo reale'

Il vaccino Pfizer è efficace al 94% contro il Covid-19. Lo stabilisce uno studio realizzato in Israele su 1,2 milioni di persone e pubblicato oggi nel prestigioso New England Journal of Medicine.
    "Si tratta della prima prova convalidata dell'efficacia di un vaccino nelle condizioni del mondo reale", ha detto Ben Reis, uno dei co-autori dello studio che conferma il ruolo cruciale delle campagne di vaccinazione per mettere fine alla pandemia.
    Finora l'efficacia del vaccino è stata provata con test clinici realizzati su migliaia di persone, ma non in condizioni reali di vita, che implicano una più vasta varietà di persone e comportamenti, oltre che una sfida logistica.
    Lo studio è stato condotto a partire dai dati di circa 1,2 milioni di persone prese in carico da uno dei più grandi organismi sanitari di Israele (Clalit Health Services), tra il 20 dicembre 2020 e il 1 febbraio 2021. In quel periodo, la variante britannica del virus circolava molto nel Paese, il che rende questi risultati ancora più interessanti. 
   Nella Ue intanto sono stati distribuiti complessivamente 51,5 milioni di dosi di vaccini e in tutto sono state 29,17 milioni le somministrazioni. I dati sono stati presentati dalla presidente della Commissione Ursula Von der Leyen durante la videoconferenza dei leader dei Paesi europei. Il tasso di vaccinazione è salito così all'8% (5% ha ricevuto la prima dose, il 3% anche la seconda). L'obiettivo resta quello di immunizzare il 70% della popolazione adulta, ovvero 255milioni di persone.    

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie