Mosca, richiesta Strasburgo liberare Navalny è interferenza

'Decisione illegale' dice portavoce Cremlino

MOSCA - Il Cremlino ha bollato come "un tentativo molto grave di interferenza" la richiesta della Corte europea dei diritti dell'Uomo di liberare immediatamente il rivale numero uno di Putin, Alexey Navalny". La Corte europea dei diritti umani (Cedu) ieri ha stabilito che l'oppositore russo va "scarcerato immediatamente", dato che in prigione "rischia la vita".
    "La decisione è illegale, è un tentativo molto grave di interferenza nei procedimenti giudiziari interni, il che, dal nostro punto di vista, è inaccettabile", ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, ripreso dalla Tass.
    "Non siamo alla ricerca di un confronto, ma d'altra parte, certamente, tali decisioni, la fretta di prendere tali decisioni, la chiara parzialità nel prendere una tale decisione, ci pongono un sacco di domande", ha affermato Peskov.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie