Zaki: legale, altri 15 giorni di reclusione

Nasrallah, ci aspettavamo una scarcerazione

Altri 15 giorni di reclusione per Patrick Zaki, lo studente dell'università d Bologna in carcere da quasi un anno in Egitto con l'accusa di propaganda sovversiva su internet: lo ha comunicato all'ANSA una sua legale, Hoda Nasrallah.
"Quindici giorni", ha risposto al telefono l'avvocatessa alla domanda su cosa fosse stato deciso all'udienza dell'altro ieri. "Ci si aspettava una scarcerazione", si è limitata ad aggiungere Hoda.
"No", ha risposto la legale di Zaki al telefono rispondendo alla domanda se il prolungamento di 15 giorni - invece dei 45 previsti - abbia qualche significato e possa far sperare in una scarcerazione. "Aspettamo", si è limitata ad aggiungere Nasrallah.

Dopo una prima fase di cinque mesi di rinnovi quindicinali ritardati dall'emergenza Covid, ora il caso di Patrick è in quelli dei prolungamenti di 45 giorni.
Il 29enne era stato arrestato in circostanze controverse il 7 febbraio scorso e, secondo Amnesty, rischia fino a 25 anni di carcere. La custodia cautelare in Egitto può durare due anni. Le accuse a suo carico sono basate su dieci post di un account Facebook che i suoi legali considerano dei 'fake' ma che per le autorità egiziane hanno configurato fra l'altro i reati di "diffusione di notizie false, l'incitamento alla protesta e l'istigazione alla violenza e ai crimini terroristici".

Patrick, attualmente detenuto nel settore per indagati del carcere cairota di Tora, stava compiendo studi all'Alma Mater bolognese in un Master biennale in studi di genere ed era stato arrestato al momento di rientrare in Egitto per una vacanza.
"Le autorità giudiziarie egiziane hanno mostrato ulteriormente il loro disprezzo per il rispetto e la dignità dei detenuti. Quindici giorni vuol dire che arriveremo a ridosso dell'anniversario dall'arresto di Patrick, è una detenzione che, ribadiamo, è illegale, arbitraria, infondata e immotivata". Così Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. "C'è da augurarsi - ha dichiarato Noury all'ANSA - che le vicende politiche interne italiane non facciano sì che venga abbandonata l'attenzione nei confronti di Patrick che ha bisogno di un intervento, anche italiano, che ponga fine a questa dolorosa e inaccettabile situazione".

"Con la decisione di rinnovare di altri 15 giorni la detenzione preventiva di Patrick, dopo 48 ore di attesa dell'esito dell'udienza di domenica, le autorità giudiziarie egiziane hanno mostrato ulteriormente il loro disprezzo per il rispetto e la dignità dei detenuti. Quindici giorni vuol dire che arriveremo a ridosso dell'anniversario dall'arresto di Patrick, è una detenzione che, ribadiamo, è illegale, arbitraria, infondata e immotivata". Così Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, ha commentato il prolungamento della custodia in carcere di Patrick Zaki, il ricercatore iscritto all'Università di Bologna detenuto in Egitto. "C'è da augurarsi - ha dichiarato Noury all'ANSA - che le vicende politiche interne italiane non facciano sì che venga abbandonata l'attenzione nei confronti di Patrick che ha bisogno di un intervento, anche italiano, che ponga fine a questa dolorosa e inaccettabile situazione".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie