Coronavirus: Filippine, atteso baby boom nel 2021

Previste quasi 2 mln nascite, 214mila in più legate al lockdown

Non solo oltre 1.200 morti registrati finora: nelle Filippine la pandemia di coronavirus contribuirà anche a far lievitare le nascite l'anno prossimo, che dovrebbero sfiorare la soglia dei due milioni. E' la previsione contenuta in uno studio congiunto realizzato dall'Istituto della popolazione dell'Università delle Filippine (UP) in collaborazione con il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA).
    Intervistato dall'emittente Teleradyo, il direttore della Commissione sulla popolazione e lo sviluppo (POPCOM), Juan Antonio III, ha spiegato che nel Paese nel 2018 sono nati 1,7 milioni di bebe'. Ma questo livello è destinato ad essere ampiamente superato a causa della mancanza di contraccettivi durante il lungo periodo di lockdown imposto nel Paese.
    "Adesso l'Istituto della popolazione dell'UP ha fatto una proiezione, in collaborazione con l'UNFPA, secondo cui ci saranno 214mila nascite aggiuntive. Quindi sembra che 1,9 milioni di bebe', o quasi due milioni, sono attesi l'anno prossimo nelle Filippine", ha detto Antonio. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie