Il Parlamento ungherese dà pieni poteri al premier Orban

I socialisti: 'E' l'inizio della dittatura'. Per i nazionalisti di Jobbik è un colpo di Stato. L'Ue 'valuta' la legge

"E' della massima importanza che le misure di emergenza" adottate dai governi Ue per il coronavirus "non vadano a scapito dei nostri valori fondamentali. La democrazia non può funzionare senza media liberi. Rispetto della libertà di espressione e certezza del diritto sono essenziali". Così la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen dopo il caso Ungheria. "Eventuali misure devono essere limitate al necessario, proporzionate e soggette a controllo. La Commissione europea seguirà da vicino la loro applicazione". "L'Ue analizzerà la legge" sull'emergenza per il coronavirus" e monitorerà da vicino la sua applicazione da parte del governo, inclusa l'applicazione" delle norme "che criminalizzano le notizie false. In questi tempi incerti, la certezza legale e la libertà di espressione devono essere garantiti", ha aggiunto il portavoce della Commissione Ue, Eric Mamer, ricordando che l'Esecutivo presenterà un meccanismo sullo stato di diritto, come annunciato nei mesi scorsi. Ieri il Parlamento ungherese ha affidato a Victor Orban pieni poteri, e a tempo indeterminato: il premier nazionalpopulista d'ora in poi, e fino a quando vorrà, potrà governare attraverso l'uso esclusivo di decreti, sciogliere il Parlamento, cambiare o sospendere leggi in vigore, perfino arrivare a bloccare le elezioni. Tutto questo, formalmente, "per combattere più efficacemente il coronavirus". Per i socialisti, all'opposizione, è l'inizio della dittatura.

E anche l'Europa si allarma: "La Commissione sta valutando le misure di emergenza adottate dagli Stati membri in relazione ai diritti fondamentali. In particolare per il caso della legge votata oggi in Ungheria sullo stato di emergenza e le nuove sanzioni penali per la diffusione di informazioni false", ha avvertito il commissario alla Giustizia Didier Reynders. Né da Bruxelles né dal suo partito, il Ppe, sono tuttavia arrivate condanne chiare. Almeno per il momento. La legge è passata con i voti della maggioranza (Fidesz) e di alcuni deputati di estrema destra: 138 sì contro 53 no. Ma ovviamente anche in Ungheria c'è grande allarme: una parte dell'opinione pubblica e i partiti dell'opposizione ritengono il provvedimento "sproporzionato" rispetto alla situazione sanitaria del Paese. L'opposizione ha anche cercato di far inserire nel testo un limite temporale di 90 giorni per lo stato di emergenza in cambio dell'appoggio in aula, ma Orban ha rifiutato.

"Oggi inizia la dittatura senza maschera di Orban". Lo ha detto il leader dei socialisti ungheresi Bertalan Toth, commentando la legge approvata dal parlamento ungherese che conferisce a tempo illimitato i pieni poteri al premier Viktor Orban per combattere il coronavirus. Anche il presidente del partito nazionalista Jobbik ha parlato di "colpo di Stato". "L'opposizione sta dalla parte del virus". Con questa inedita affermazione il premier ungherese ha replicato alle accuse.

In Ungheria finora sono stati certificati soltanto 447 contagiati da coronavirus, 15 è il numero delle vittime. I dati reali potrebbero essere però più alti, anche 15 volte di più. I servizi sanitari effettuano pochissimi tamponi: dall'inizio dell'epidemia ne sono stati realizzati poco più di 13 mila. Negli ospedali mancano tute, guanti e mascherine protettive, e ci sono soltanto 2560 apparecchi di respirazione, in tutto il Paese.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie