• Usa, la Corte boccia il ricorso del Dipartimento di Giustizia. Trump attacca: 'Se succede qualcosa prendetevela con i giuidici'

Usa, la Corte boccia il ricorso del Dipartimento di Giustizia. Trump attacca: 'Se succede qualcosa prendetevela con i giuidici'

La battaglia non si ferma, il caso verso la Corte suprema

Ci vorrà più tempo del previsto per smantellate l'Obamacare, probabilmente fino al 2018. Lo ha detto il presidente Usa Donald Trump in un'intervista alla Fox, ripresa dai media americani che sottolineano il cambiamento di rotta rispetto alle promesse elettorali di smobilitare immediatamente la legge sull'assistenza sanitaria fortemente voluta dall'ex presidente Barack Obama. "Forse ci vorrà qualche tempo, fino al prossimo anno", ha detto Trump, sottolineando che il lavoro è partito ma che l'Obamacare è "complicato" e assicurando comunque che la sua amministrazione lo sostituirà con un sistema migliore. "Bisogna ricordare che l'Obamacare non funziona, per questo stiamo mettendo in campo un piano meraviglioso".

Continua intanto lo scontro a distanza cvon i giudici sul  bando agli ingressi negli Usa per persone provenienti da sette paesi a maggioranza musulmana.

 

"Non riesco a credere che un giudice possa mettere il nostro paese in tale pericolo. Se succede qualcosa prendetevela con lui e con il sistema giudiziario. Gente sta arrivando in massa. Male!". Torna cosi' su Twitter, dopo 20 ore circa di assenza, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dopo che una corte federale d'Appello ha respinto il ricorso presentato dal dipartimento di Giustizia contro la sospensione del bando agli ingressi negli Usa per persone provenienti da sette paesi a maggioranza musulmana, disposta dal giudice di Seattle James Robart.

 

In un secondo messaggio, pochi minuti dopo, Trump segnala di aver chiesto controlli molto accurati alle frontiere, nonostante le difficoltà create dai tribunali. Intanto il blocco al bando per gli ingressi negli Usa per chi proviene da sette paesi a maggioranza musulmana resta in vigore: una corte d'appello federale ha infatti respinto il ricorso del dipartimento di Giustizia con il quale l'amministrazione americana chiedeva di fatto che la sospensione disposta da un giudice federale di Seattle venisse revocata. Ed è un nuovo schiaffo per il presidente Donald Trump, che pure si era mostrato determinato e sicuro nel contrattacco, in una battaglia legale che adesso sembra difficile risolvere in tempi rapidi. "Vinceremo. Per la sicurezza del Paese, vinceremo", aveva detto poco prima il presidente degli Stati Uniti in smoking per il gala della Croce Rossa a Mar-a-Lago, mostrandosi fiducioso davanti ai giornalisti. Ignaro che da lì a breve la Corte d'Appello di San Francisco avrebbe inflitto un'altra battuta d'arresto al suo iper-decisionismo. La corte d'Appello federale di San Francisco ha infatti chiesto sia allo Stato di Washington sia all'amministrazione Trump di presentare entro domani pomeriggio argomenti aggiuntivi a sostegno ognuno della propria causa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie