Sparatoria in centro commerciale a Seattle, fermato un sospetto

A Baltimora altra sparatoria: 7 feriti, anche un bimbo di 3 anni

    Un uomo è stato fermato per la sparatoria di venerdì sera nel centro commerciale Cascade Mall di Burlington, vicino a Seattle, dove sono state uccise cinque persone. In un tweet, il Dipartimento d'Emergenza della Contea di Skagit ha affermato che "il sospettato è in custodia".

    L'uomo è di origini turche e non ispaniche come si pensava inizialmente e in passato era stato arrestato una volta nella Contea di Island per aggressione. Arcan Cetin, questo il nome dell'uomo, sospettato di avere ucciso quattro donne e un uomo, è emigrato dalla Turchia e vive legalmente negli Usa ad Oak Harbor, una cittadina a circa 45 chilometri da Burlington.

    La vittima più giovane della sparatoria aveva 16 anni, scrive il quotidiano Seattle Times nella sua edizione online. La ragazza, Sarai Lara, che da bambina era sopravvissuta al cancro, si trovava nel centro commerciale con la madre Evangelina Lara, ma le due si sono divise e la giovane é andata nel grande magazzino Macy's - dove é avvenuta la strage - per acquistare un paio di pantaloni. Intanto, la polizia ha reso noto che il presunto autore della strage - il 20enne Arcan Cetin, nato in Turchia e residente a Oak Harbor, vicino Seattle - é attualmente agli arresti e lunedì dovrà presentarsi davanti al tribunale della Contea di Skagit. Come é noto, nella sparatoria sono morte quattro donne e un uomo.

Intanto in un'altra sparatoria, a Baltimora, sono state ferite sette persone: fra le vittime ci sarebbe anche un bimbo di tre anni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie