• Arabi Israele, "Netanyahu razzista, sue scuse parole vuote"

Arabi Israele, "Netanyahu razzista, sue scuse parole vuote"

Con il 'sì' di Kahlon ha in mano la maggioranza

Gli arabi israeliani respingono le scuse presentate da Benyamin Netanyahu alla loro comunità dopo che lo stesso premier il giorno delle elezioni aveva detto ai sostenitori del Likud di accorrere alle urne, denunciando come una minaccia l'affluenza massiccia nelle località popolate dalla minoranza araba d'Israele. "Respingiamo le scuse e continuiamo la nostra battaglia per l'uguaglianza. Le sue sono solo parole vuote che intendono preservare il suo regime razzista", si legge in una nota della Lista Araba ripresa dal sito Ynet

Con il sì alla sua premiership da parte di Moshé Kahlon del partito di centrodestra 'Kulanu', Benyamin Netanyahu ha in mano la maggioranza di seggi (61 su 120) per formare una possibile coalizione di governo. Kahlon ha indicato l'attuale premier nelle consultazioni dei partiti in corso da parte del presidente Reuven Rivlin. ''Bisogna rispettare la volontà popolare'' ha detto, citato dai media, Kahlon a Rivlin. E' probabile che Rivlin assegni l'incarico a Netanyahu questo stesso mercoledì.

Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha cominciato a Gerusalemme la seconda giornata di consultazioni con i partiti nell'ambito della formazione del nuovo governo. Tra i primi gruppi quello dei centristi di 'C'e' futuro' guidati dal deputato Yael German che ha confermato - citata dai media - la volontà del partito di restare, alle condizioni attuali, all'opposizione di un eventuale governo presieduto da Benyamin Netanyahu. Le consultazioni dovrebbero finire oggi attorno alle 15 locali.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie