• Minacce hacker, Sony annulla la proiezione di The Interview

Minacce hacker, Sony annulla la proiezione di The Interview

La Casa Bianca pensa "a una serie di misure di potenziale risposta"

Hanno vinto gli hacker: Sony ha deciso di ritirare dal mercato il film The Interview. Cancellata non solo la data di uscita di Natale, ma anche ogni progetto d'uscita in tv on-demand o con l'home video, della pellicola che ironizza sul regime dittatoriale nordcoreano e sul suo leader Kim Jong-Un. La notizia è arrivata nella serata di mercoledì, dopo che gli hacker avevano minacciato un attacco terroristico stile 11 settembre e che molti esercenti cinematografici avevano fatto sapere di aver cancellato il film dalla programmazione nelle loro sale. Eliminato dal sito di Sony ogni accenno al film che vede James Franco e Seth Roger nei ruoli di un conduttore televisivo e del suo produttore che tentano di mettere a punto un piano per eliminare il dittatore nordcoreano.

"Sony Pictures non ha ulteriori progetti di uscita per il film", ha detto un portavoce della casa giapponese. Intanto il cyber attacco ai danni di Sony sta assumendo le proporzioni della crisi diplomatica da quando fonti investigative hanno fatto sapere che ci sarebbe proprio il regime dittatoriale nordcoreano dietro il crimine informatico. "Gli Stati Uniti stanno investigano sui responsabili. Un aggiornamento sarà fornito a tempo debito", ha detto il portavoce del National Security Council della Casa Bianca che, senza mai nominare la Nord Corea, ha fatto sapere che "Il governo degli Stati Uniti sta lavorando senza sosta per assicurare alla giustizia i responsabili di questo attacco e che una serie di opzioni di risposta sono state prese in considerazione". Durante la giornata di mercoledì varie testate giornalistiche fra cui CNN e Times erano venute a sapere da fonte anonima che collegamenti importanti erano stati trovati fra il regime dittatoriale di Kim Jong-Un e l'attacco informatico.

Hollywood si ribella, vittoria hacker
 Hollywood si ribella alla decisione di Sony di cancellare l'uscita nelle sale cinematografiche di 'The Interview'. ''E scandaloso che non venga proiettato 'The Interview'. Cancelleranno ogni film che riceve minacce anonime'' afferma Judd Apatow, amico dell'attore protagonista Seth Pogen. ''Cediamo tutti. Gli hacker vincono. Una vittoria totale per loro'' mette in evidenza Rob Lowe. ''E' un giorno triste per l'espressione creativa'' twitta Steve Carrell. ''cancellare 'The Interview' e' un brutto precedente'' scrive su Twitter, Zach Braff. ''Gli Stati Unii hanno ceduto a un attacco senza precedenti al principio fondamentale della liberta' di parola da parte di un gruppo di terroristi nord coreani che hanno minacciato chi vuole andare al cinema per fermare l'uscita del film'' mette in evidenza il produttore Aaron Sorkin.

'Esercito' di 1.800 cyber guerrieri nordcoreani
 Un esercito di 1.800 cyberguerrieri nordcoreani nel mondo: è il 'Bureau 121' incaricato di condurre attacchi informatici Oltreoceano e contro gli Stati nemici. A descrivere la 'guerra online' della Corea del Nord e' il disertore Jang Se-yul, in un'intervista alla Cnn. Il governo della Corea del Sud ritiene che Bureau 122 sia al centro degli attacchi informatici partiti dalla Corea del Nord, che secondo l'Fbi e' legata al cyberattacco a Sony.

Fonti ufficiali dell'FBI, che sta investigando sul caso, non hanno confermato: "Non ci sono al momento dichiarazioni ufficiali perché l'indagine è ancora in corso. E' prevista però la diramazione di un comunicato ufficiale entro 24 ore". Secondo il New York Times gli investigatori stanno cercando di capire se l'attacco degli hacker sia avvenuto o meno con l'aiuto di uno o più interni alla Sony. Lungi dall'essere finita, la saga di Sonyleaks si arricchisce ogni giorno di un nuovo capitolo e al momento, al contrario di quanto succede nella migliore tradizione cinematografica hollywoodiana, i buoni non stanno affatto vincendo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA