Speciali

  1. ANSA.it
  2. Speciali
  3. Ue, obiettivo del G20 è intesa su riforma fiscale globale

Ue, obiettivo del G20 è intesa su riforma fiscale globale

Von der Leyen, 'entro il 2021 proposta su tassa minima globale'

Redazione ANSA BRUXELLES

"Il G20 dovrà trovare un'intesa su una riforma fiscale globale". Lo ha detto la presidente della commissione Ue, Ursula von der Leyen in una conferenza stampa sul G20, ponendo l'accento sulla necessità di una "ripresa equa" nel post-Covid. "Dobbiamo porre attenzione sulla giustizia e credo che questo è quello che fa la tassa minima globale. Siamo pronti a implementarla velocemente. Entro la fine di quest'anno faremo già una proposta", ha aggiunto. 

"Dal punto di vista della pandemia l'obiettivo principale è l'impegno del G20 a raggiungere il target del 70% della popolazione vaccinata nel mondo. L'Ue ha mantenuto la sua promessa: almeno una dose su due di quelle prodotte in Europa sono e saranno esportate nel mondo. E il prossimo anno ci aspettiamo più di 3,5 miliardi di dosi di vaccini prodotte in Ue, la cui maggioranza sarà esportata", ha aggiunto.

"Uno dei nostri obiettivi è vaccinare mondo, facilitando la capacità dei Paesi in via di sviluppo. Abbiamo speso più di un miliardo in Africa per questo. Vogliamo portare la tecnologia Rna al continente africano. Con Senegal Ruanda e Sudafrica abbiamo fatto buoni progressi. Ora ci impegneremo nella cooperazione con Ghana, Egitto, Marocco, Kenya. Sosteniamo in pieno l'obiettivo dei Paesi africani, che è quello di diventare più indipendenti nella produzione dei vaccini arrivando alla produzione del 60% nel 2024, mentre ora è solo l'1%", ha proseguito la presidente della Commissione europea parlando del G20 a Roma.

"La cooperazione con Mario Draghi" al G20 "è ed è stata eccellente" 

"Si svolgerà a Roma la riunione del G20 dei ministri della Salute e della Finanza. Il mio obiettivo è portare in quella sede di discussione una priorità: gli investimenti sulla salute e sui servizi sanitari nazionali come prima mattonella per la ripartenza a livello globale e come premessa per qualsiasi ripartenza anche di natura economica e sociale", afferma il ministro della Salute, Roberto Speranza, in occasione della riunione L20, l'incontro delle organizzazioni sindacali internazionali e dei sindacati dei paesi del G20 oggi a Roma. E il primo ambito dentro cui "deve giocarsi questa prima fase di investimenti e di collaborazione internazionale è sicuramente quello dei vaccini, che - ha sottolineato Speranza - devono essere considerati un bene pubblico globale e diritto di tutti e non privilegio di pochi. Abbiamo bisogno che questo principio, affermato anche nella Dichiarazione di Roma, possa realizzarsi nel più breve tempo possibile e tradursi in un'iniziativa concreta". Questo significa, ha aggiunto, "impegnarsi per portare le dosi in ogni angolo del mondo, lavorare per il trasferimento tecnologico, consentire a tutti i Paesi di poter accedere a questa risorsa fondamentale. Questo è giusto sul piano etico ma anche semplicemente sul piano sanitario, perchè portare il vaccino in ogni angolo del mondo è l'unica garanzia per evitare la formazione di ulteriori varianti che potrebbero rendere ancora più complessa questa battaglia". "La lotta alle diseguaglianze resta cioè una priorità su cui dobbiamo muoverci sia a livello nazionale sia a livello internazionale. La mia opinione è che questo si può fare con un impegno molto forte da parte dei governi e l'auspicio è che questo G20 - ha concluso - possa imprimere un'ulteriore accelerazione dentro questa traiettoria di sfida, e penso che i governi sono più forti con il dialogo e se hanno la capacita di ascoltare i soggetti esterni della società, in questo quadro credo molto nel ruolo del sindacato". 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Modifica consenso Cookie