Economia

Responsabilità editoriale di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

Se il gender è equality, i profitti salgono

La società futura vedrà uomini e donne con uguali diritti e opportunità. Tuttavia, la strada per raggiungere la parità di genere è ancora lunga. Si stima che ci vorranno ancora più di 250 anni per raggiungere questo obiettivo soprattutto nel mercato del lavoro.

Gli investimenti nella parità di genere hanno un impatto sociale positivo e contribuiscono a uno dei SDGs (numero 5 - Parità di genere”) dell’ONU. Ma perché investire in tale fattore?

 

“Come pionieri dell'investimento sostenibile, ci occupiamo già da tempo della questione della parità di genere e della sua importanza per il successo aziendale. Valutiamo le aziende rispetto ad elementi sociali come questo e siamo sicuri che le imprese che riconoscono e promuovono la parità di genere abbiano un vantaggio competitivo” spiega Junwei Hafner-Cai, portfolio manager di  RobecoSAM Gender Equality Equities. “Queste aziende hanno accesso a un pool di talenti più ampio, possono fidelizzare i top performer in modo più efficace e beneficiare di una maggiore comprensione dei clienti e di una migliore comprensione delle opportunità di mercato” continua l’esperta.

 

Promuovere l’uguaglianza di genere corrisponde ad incentivare la società verso un futuro di integrazione e pari opportunità. È dimostrato che una maggiore diversità di genere sia positivamente correlata alle performance aziendali, e che questi risultati si tramutino in benefici di carattere reputazionale, di spinta innovativa e di attrattività per i talenti.

 

Ecco perché Robeco ha dedicato al tema propria una strategia specifica. La strategia RobecoSAM Global Gender Equality è nata nel 2015 con l’obiettivo di investire in quelle società che considerano le questioni legate alla parità di genere a livello strategico. La strategia seleziona i titoli attraverso un processo sistematico bottom-up che coniuga un’ampia ricerca proprietaria dei fattori ESG con una rigorosa analisi fondamentale degli indicatori di parità di genere. Il risultato è un portafoglio concentrato di imprese reputate interessanti, con un impatto sociale positivo.

 

“La strategia investe essenzialmente in società leader nel riconoscimento e nella promozione della parità di genere, che si distinguono anche per i loro interessanti fondamentali aziendali. L'obiettivo della strategia è generare rendimenti finanziari e sociali positivi per gli investitori. L'investimento orientato al genere sta guadagnando slancio e sta diventando una delle aree di investimento sostenibile che cresce con maggiore rapidità. Secondo un rapporto di Veris Wealth Partners, il valore delle attività sul mercato pubblico dei titoli è aumentato passando da 100 milioni di dollari nel 2014 a 3,4 miliardi di dollari alla fine di giugno 2019. Questo ci dimostra come gli investitori vogliono sempre più allineare il loro capitale di investimento agli obiettivi a impatto sociale, in particolare dopo aver visto che gli obiettivi a impatto sociale non danneggiano necessariamente i rendimenti” sottolinea la portfolio manager

 

“Il nostro approccio disciplinato si concentra sulla performance delle aziende in termini di parità di genere, sulla qualità del business e sulla valutazione. Non valutiamo la parità di genere solo in base alla percentuale di donne che coprono ruoli di rilievo nella dirigenza. Ma adottiamo un approccio più olistico: prendiamo in considerazione la rappresentanza di genere a tutti i diversi livelli della forza lavoro, nonché altre metriche della diversità, quali l'etnia e la nazionalità, la fidelizzazione dei dipendenti, le pratiche di pari retribuzione e i programmi per il benessere dei dipendenti a sostegno dell'equilibrio tra vita familiare e vita di lavoro. Tutti questi fattori sono importanti per un ambiente di lavoro diversificato e inclusivo, in cui uomini e donne hanno le stesse prospettive di carriera e opportunità per sviluppare il proprio potenziale” conclude Hafner.

La responsabilità editoriale e i contenuti sono a cura di ADVISOR, testata edita da Open Financial Communication

Video Economia




Modifica consenso Cookie