Economia
  1. ANSA.it
  2. Economia
  3. Borsa: Europa cresce, volano tecnologici e auto

Borsa: Europa cresce, volano tecnologici e auto

Banche in ordine sparso, bene il lusso e i petroliferi

(ANSA) - MILANO, 09 FEB - Migliorano ulteriormente le principali Borse europee verso fine mattinata, con i tecnologici che continuano a sostenere i listini, dopo avere già corso in Asia, insieme a beni voluttuari e industria. Fanalino di coda resta la finanza, con gli investitori che guardano alle prossime mosse delle banche centrali sui tassi e all'inflazione. Sullo sfondo restano le tensioni geopolitiche, in particolare per la situazione tra Russia e Ucraina, oltre all'andamento della pandemia da Covid 19, tra cure e impatti economici. In lieve salita l'euro sul dollaro, scambiato a 1,144. In rialzo l'oro (+0,5%) a 1.827 dollari l'oncia. Tra gli altri metalli, in forte calo il minerale di ferro (-4,1%) a 796 dollari la tonnellata.
    Per il gas naturale, sono in lieve calo i future in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam (-0,3%) a 77 euro al MWh, mentre tornano a salire a Londra (+0,8%) a 187,4 220 penny per Mmbtu, l'unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi.
    Proseguono intanto le trimestrali.
    La maglia rosa in Europa va a Francoforte (+1,4%), seguita da Parigi (+1,3%), Madrid (+1,2%) e Londra (+0,6%). Bene Milano (+1,1%), dove lo spread Btp-Bund è salito a 157 punti e il rendimento del decennale italiano all'1,79%.
    L'indice d'area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna l'1,4%. In ordine sparso le banche, con alcuni rialzi, come per Banco Bpm (+5,5%, il giorno dopo i conti e un upgrade di Citi a buy, Intesa (+1%) e Banco Bilbao (+0,7%), e qualche calo, come per Abn Amro (-3,9%) e Hsbc (-0,8%). Corrono i semiconduttori, a iniziare da Asm (+4,9%) e Stm (+3,1%). In forma smagliante le auto, con esempi come Porsche (+4,9%) e Mercedes (+3,8%). Bene il lusso, da Swatch (+3,4%) a Richemont (+2,9%) e Lvmh (+1,5%).
    Bene L'Oreal in vista dei conti a mercati chiusi. Quasi tutti positivi i petroliferi, a iniziare da Bp (+1,7%) e Equinor (+3,3%), con eccezioni come Shell (-0,3%), col greggio in calo (wti -0,1%) a 89,2 dollari al barile e il brent a 90,7 dollari.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie