Economia
  1. ANSA.it
  2. Economia
  3. Franco: 'Il nuovo catasto? Nel 2026 lo userà chi vorrà'

Franco: 'Il nuovo catasto? Nel 2026 lo userà chi vorrà'

Ministro dell'Economia in audizione: 'In 3 anni spazi per alleggerire carico fiscale'. 'Costo dell'energia è forte elemento di incertezza'- 'Il Pil al 6% irripetibile ma puntiamo a tassi alti'

La riforma del catasto per ora "è un esercizio di mappatura che sarà reso disponibile nel 2026, non ha alcun effetto immediato. Nel 2026 verrà usato da chi vorrà utilizzarlo. Per ora è un esercizio per capire lo stato del nostro sistema immobiliare", spiega il ministro dell'economia Daniele Franco in audizione alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato.

"Nel formulare la previsione per il restante anno e il prossimo assumiamo non vi siano nuove restrizioni alle attività economiche e ai movimenti delle persone. Ove la pandemia riprendesse, i numeri sarebbero a rischio", afferma Franco. "Il quadro tratteggiato è più probabile e realistico, ma una ripresa della pandemia metterebbe questi numeri a rischio", aggiunge. 

"Il superbonus e gli altri bonus edilizi sono molto importanti per far ripartire il settore delle costruzioni, quindi nella legge di bilancio stiamo valutando in che modo possano e debbano essere prorogati", ma "dobbiamo ricordare che sono uno strumento molto costoso", "non sostenibile alla lunga", dichiara il ministro. Le costruzioni "sono un settore che va sostenuto, avendo a mente che non può crescere a dismisura e che questi interventi fanno onore per la finanza pubblica. Se ciascun italiano fa domanda, per 30 milioni di unità immobiliari l'effetto sui conti e sul debito è stratosferico".

L'aumento del costo dell'energia e il suo peso sull'inflazione è "uno degli elementi di incertezza più importanti" che grava sulla ripresa, prosegue Franco. I previsori, spiega, parlano di "un fenomeno in parte temporaneo" e i mercati si aspettano una riduzione "dopo i picchi invernali". Tuttavia, "il tema va monitorato e bisogna valutare se a livello nazionale o europeo ci siano modi per attenuare" l'impatto.
   

Nella Nadef l'andamento delle spese inferiore previsto dal Def riflette per 5 miliardi la riprogrammazione delle spese del piano nazionale, alcune riprogrammate su anni successivi. E' una cosa buona perché queste spese ci aiuteranno a mantenere un tasso di crescita nel 2023 e 2024. Il 6% è irripetibile ma tassi di crescita più alti degli scorsi decenni è quello a cui dobbiamo puntare per gli anni 2023, 24, 25, 26", sottolinea il ministro.

Nel triennio 2022-2024 ci sono margini per intervenire sugli ammortizzatori sociali e "avviare un processo di alleggerimento del carico fiscale", osserva Franco, spiegando la differenza tra quadro tendenziale e programmatico. "Il gap tra i due saldi - continua - dovrebbe consentirci nel triennio di recuperare gli effetti della pandemia".

La dinamica del rapporto debito/Pil "è un punto debole perché il rapporto è molto elevato, e la pandemia ha peggiorato la situazione", ma "il nostro debito è pienamente sostenibile", assicura il ministro che spiega come ora "abbiamo un'occasione che non avevamo da anni, di debito molto ampio ma con costo medio molto basso", ed è un'occasione "per abbatterlo il più rapidamente possibile".

"Dobbiamo invertire la secolare stagnazione" dell'economia, il Pnrr "può essere di grande aiuto, ma tutte le politiche devono essere mirate in quella direzione" è l'appello del responsabile del Mef. "Quest'anno e l'anno prossimo avremo un recupero molto rapido. Ma il test vero non è quanto cresciamo quest'anno o il prossimo ma gli anni successivi, dobbiamo uscire dalla lunga fase di stagnazione della nostra economia", sottolinea, spiegando che i tassi occupazione sono in Italia più bassi di Francia e Germania e gli aumenti di produttività sono stati inferiori per un quarto di secolo.

La politica di bilancio al momento è "attuata in regime di sospensione" del Patto di stabilità, "si sta aprendo il dibattito sul futuro delle regole ma comunque vada è verosimile che qualche regola ci sarà, più o meno stringente di prima", quindi "dobbiamo tenere a mente che il deficit deve scendere, l'avanzo primario deve tornare e bisogna ridurre il debito che libera risorse", osserva Franco. "Dobbiamo tornare gradualmente verso una politica di bilancio più prudente".

"Non la vedrei come misura strutturale, ora che abbiamo spinto le persone verso il mondo digitale restiamo nel digitale. Dobbiamo valutare se siamo arrivati a quel punto", spiega Daniele Franco, parlando del cashback in audizione. Riguardo al destino della misura, sospesa nel secondo semestre dell'anno, "dobbiamo vedere i costi e i benefici".

"Valutiamo se una ulteriore spalmatura degli oneri possa essere considerata", ma "bisogna gradualmente tornare verso una situazione di normalità in cui tutte le famiglie e le imprese possano pagare le cartelle emesse dall'Agenzia delle Entrate". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Daniele Franco, rispondendo in audizione sulla Nadef ad una domanda sulla possibilità di varare la rottamazione quater.

Nella riforma delle regole europee ci sono tre punti importanti:  bisogna "evitare politiche pro-cicliche", si dovrà "tenere conto della questione degli investimenti pubblici, con riferimento a quelli che dovremo fare per la questione climatica", e "bisognerà affiancare alle regole sulla finanza pubblica un'azione di bilancio comunitaria", come il Next Generation EU.  "Il Next Generation EU è un'azione di bilancio comunitaria innovativa in cui l'Ue si è data un debito comune che non aveva", e quindi anche in futuro serve uno strumento simile che aiuti "la gestione di alcune sfide" anche del ciclo economico.

"Le pensioni sono una questione aperta che affronteremo nella legge di bilancio. La Nadef non è una lista esaustiva". afferma Franco rispondendo a chi gli chiedeva perché non vi fosse la questione delle pensioni nella Nadef.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie