Economia

Bce frena gli acquisti Pepp, Eurozona in decisa ripresa

Pronti a rivedere tutti gli strumenti. Sale 'inflazione di fondo

 La Bce procederà la riduzione a un ritmo moderatamente più basso degli acquisti di debito col programma Pepp, dopo l'accelerazione nel secondo e terzo trimestre, ma si tiene pronta a rivedere gli altri strumenti di politica monetaria come i tassi di riferimento, le aste di liquidità Ltro e gli acquisti col programma App.
    Lo conferma il bollettino economico, a fronte di una crescita in "ulteriore miglioramento" nell'area euro nel secondo semestre e un "deciso recupero" dell'economia atteso nel medio periodo.
    Riviste in meglio anche le stime d'inflazione, con l'inflazione di fondo (al netto di energia e alimentari) attesa in aumento graduale, e un'inflazione complessiva in aumento per fattori giudicati "perlopiù temporanei".
    Lo scenario economico migliore, al netto dei rischi connessi alla diffusione delle varianti Covid, ha spinto la Bce a migliorare al 5% la stima di crescita per il 2021, mantenendo al 4,6 il 2022 e al 2,1 il 2023. Le previsioni aggiornate danno un'inflazione al 2,2% quest'anno, all'1,7% il prossimo e 1,5% nel 2023. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia



      Vai al sito: Who's Who

      Modifica consenso Cookie