Economia

Colloquio Mattarella-Orlando su incidenti sul lavoro

Bozza riforma ammortizzatori, Cig per tutti, sconto-premio a chi non la usa

Questa mattina il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha avuto un colloquio telefonico con il ministro del Lavoro Andrea Orlando per acquisire informazioni relative agli ultimi incidenti sul lavoro avvenuti in questi giorni e alle iniziative adottate dal ministero per contrastare gli incidenti e per la sicurezza nei luoghi di lavoro. Nel corso della telefonata Orlando ha informato il capo dello Stato che il tema della sicurezza e della salute sul lavoro è sottoposto "ad una costante ed incisiva attenzione". E' quanto si apprende da ambienti parlamentari.

Il ministro Orlando ha informato il capo dello Stato anche sulla "consapevolezza che in materia di prevenzione" è "richiesta un'azione continua da parte degli organi di governo. Il ministero ha attivato una cabina di regia con il più ampio coinvolgimento di tutti gli attori, istituzionali e sociali. Con una lettera inviata al ministro Speranza e al presidente Fedriga - viene spiegato - è stato sollecitata la verifica del livello degli organici per la definizione degli standard di fabbisogno di personale nei servizi territoriali del personale ispettivo dell'Asl, organismo a cui la legge demanda la principale attività di vigilanza pubblica in materia". Nella stessa direzione è andata "la tempestiva attivazione della commissione Consultiva prevista dall'art. 6 del TU 81/2008 e presieduta dal ministro. E' stata avviata e accelerata, dopo la sospensione determinata dalla situazione pandemica, la procedura di assunzione di 2.099 nuove risorse all'Ispettorato nazionale del lavoro, di cui 1.053 ispettori, cui vanno aggiunti 184 amministrativi già previsti dal dl Recovery, per un totale di 2.283 assunzioni, così colmando il vuoto di organico presente da anni ed è stato nominato un magistrato di specifica ed elevata competenza in materia a capo dell'Inl".

Intanto arriva la bozza della riforma degli ammortizzatori sociali. Uno strumento ad hoc per i lavoratori dello spettacolo e più tutele per precari e anche autonomi, in attesa di valutare il funzionamento del nuovo Iscro, una sorta di Cig per i lavoratori indipendente, per decidere un'eventuale stabilizzazione. Sono alcune delle novità della bozza di riforma degli ammortizzatori che il ministro Andrea Orlando ha inviato alle parti sociali, convocate lunedì 9 agosto per un nuovo incontro. Tra le misure, l'accesso al programma Gol per chi chiude la partita Iva, più giorni di malattia in caso di patologie gravi o oncologiche, più tutele per la maternità, oltre all'estensione dell'equo compenso a tutti i bandi e le selezioni della Pa legati al Pnrr. 

Aumentare "il grado di equità generale del sistema " e disegnare un sistema in cui "non vi siano lavoratori esclusi dal sistema di protezione sociale", attraverso un "universalismo differenziato", ad esempio per dimensioni delle aziende. Sono i "principi guida" della bozza della riforma degli ammortizzatori inviata dal ministro del Lavoro Andrea Orlando alle parti sociali in vista di un nuovo confronto nei prossimi giorni. Tra le novità si ipotizza anche un "sistema di premialità" con la riduzione della contribuzione addizionale per le aziende che non ricorrano ai trattamenti di integrazione salariale "per un tempo significativo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie