Economia

Borsa: bene l'Europa con banche e auto, corre l'industria

Positivo Pmi manifatturiero. Bene petroliferi. Boom di Meggitt

(ANSA) - MILANO, 02 AGO - Sono positive le principali Borse europee, in una giornata in cui l'indice Pmi manifatturiero dell'Eurozona vede i dati di luglio in leggera salita, ma comunque superiore alle attese di stabilità, con rialzi in Germania, leggero calo in Francia e discesa in Spagna. La migliore Piazza è Madrid (+1,3%), seguita da Parigi e Londra (+0,9%), con fanalino di coda Francoforte (+0,3%), nonostante anche i dati sulle vendite al dettaglio di luglio crescano oltre le attese. In linea Milano (+0,9%), con lo spread a 106,3 punti.
    Dagli Usa atteso l'indice Ism manifatturiero in arrivo dagli Usa, primo indizio per confermare o smentire, secondo gli analisti, il rallentamento del Pil, dopo la spinta registrata con la diminuzione dei contagi da Covid 19 e i nuovi timori per le varianti, la Delta in particolare. I future a Wall Street sono positivi. In calo l'oro (-1,1%) a 1.807 dollari l'oncia. In deciso calo l'acciaio rebar (-4,1%) a 5.497 dollari la tonnellata.
    L'indice d'area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna oltre lo 0,6%, sostenuto da beni voluttuari e energia. Tra i petroliferi le performance migliori sono di Repsol (+2,8%), Omv (+2,1%) e Equinor (+1,8%), col greggio in calo (Wti -1%) a 73,1 dollari al barile. Molto bene le auto, a iniziare da Renault (+3,8%) e Daimler (+2,5%), tra i componenti Valeo (+2,6%) e Faurecia (+2,8%). Nell'industria aeronautica e della difesa crescita fuori dagli schemi per la britannica Meggitt, con l'accordo per essere acquisita dalla statunitense Parker-Hannifin per 8,8 miliardi di dollari. Corrono anche Rolls-Royce (+4%) e Safran (+3,1%). Tra i metalli e l'estrattivo forte Anglo American (+4,2%). Positive le banche, a iniziare da Barclays e Natwest (+2,5%) e Banco de Sabadell, bene Hsbc (+0,8%) coi conti. Tra i semiconduttori, in rialzo, spiccano Ams (+3,5%) e Infineon (+2,1%). (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie