Economia

Meno frodi creditizie con lockdown ma danni per 125 milioni

Crif,vittime preferite uomini 40-50 anni in Campania e Lombardia

(ANSA) - MILANO, 29 LUG - Gli uomini di mezz'età, fra i 41 e i 50 anni, sono le vittime preferite dai truffatori del web che rubano l'identità o carpiscono dati per ottenere credito o acquisire beni. L'ultimo aggiornamento dell'Osservatorio sulle Frodi Creditizie e i furti di identità realizzato da CRIF-MisterCredit mostra che nel 2020 i casi rilevati sono stati oltre 21.800 per un danno stimato che sfiora i 125 milioni di euro. Rispetto all'anno precedente il numero di frodi risulta in netto calo (-32,4%) rispecchiando la contrazione delle erogazioni di credito alle famiglie dovuto all'emergenza sanitaria. Al contempo, però, è decisamente aumentato l'importo medio frodato (+21,8%), attestatosi a circa 5.650 euro, a dimostrazione dell'efficienza delle organizzazioni criminali.
    La truffa consiste spesso nell'ottenere un prestito in modo fraudolento per acquistare, quasi in un terzo dei casi, elettrodomestici anche auto o moto (12,5%), elettronica, informatica e telefonia (9,7%) e arredamento (7,9%).
    La fascia compresa tra i 41 e i 50 anni scalza i più giovani dalla prima posizione, raccogliendo il 22,7% delle vittime. la fascia di età nella quale si rileva il maggior incremento percentuale dei casi nel 2020 è quella degli over 60 anni (+10,6%), al contempo diminuiscono gli under 30 (-9,4%). La ripartizione dei casi mostra una maggiore incidenza in Campania (13,1%) che viene appaiata dalla Lombardia (+3,7%). (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video Economia



    Vai al sito: Who's Who

    Modifica consenso Cookie