Economia

Sella, Cavalieri del Lavoro modello anche di sostenibilità

Ricerca, con trasparenza e legalità è spinta a lavoro e ricavi

(ANSA) - ROMA, 06 LUG - "Le imprese guidate dai Cavalieri del Lavoro costituiscono un modello importante per la capacità di generare benessere condiviso e di tradurre in pratica i valori della trasparenza, che significa anche lotta alla corruzione, dell'etica di impresa e della sostenibilità", sottolinea il presidente della Federazione dei Cavalieri del Lavoro, Maurizio Sella, presentando una ricerca su 'trasparenza, etica e sostenibilità' commissionata alla Fondazione Etica e svolta su un campione di 342 aziende di Cavalieri del Lavoro. Sono "caratteristiche . rileva Sella - che hanno permesso negli ultimi anni di ottenere risultati superiori in termini di occupazione e di fatturato rispetto alle imprese concorrenti. Si tratta di dati rilevanti perché le aziende sane, che producono utili e creano occupazione, portano valore aggiunto e migliorano la reputazione del Paese, aumentandone la credibilità a livello internazionale e rappresentando un volano di impatto positivo di lungo periodo".
    Come 'risultato principale' della ricerca, viene sottolineato che "un terzo del campione analizzato ottiene una valutazione positiva o molto positiva. In particolare, il 10% delle aziende raggiunge addirittura l'eccellenza, dimostrando di aver ripensato l'intera attività economica sulla base della sostenibilità ambientale, sociale e di governance". Dunque, "la sostenibilità risulta con chiarezza non una semplice aggiunta per fare marketing su temi ora alla moda, ma un investimento complessivo sul modo di concepire l'azienda nel suo rapporto con la comunità a 360 gradi".
    Un quarto del campione "presenta margini di migliorabilità a fronte di altrettante aziende che pur avendo investito sui tre temi analizzati ha scelto di non parlarne all'interno del sito aziendale, secondo la logica del fare senza annunciare". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie