Economia

Fnm: presentato progetto Idrogeno in Valcamonica alla Camera

Entro il 2023 i primi 6 treni verdi sulla Brescia-Iseo-Edolo

(ANSA) - MILANO, 23 GIU - Il gruppo Ferrovie Nord Milano (Fnm) ha presentato alla Commissione Attività Produttive della Camera il progetto H2iseO in Valcamonica, che sarà la "prima Hydrogen Valley italiana", lungo la linea ferroviaria Brescia-Iseo-Edolo di Ferrovienord. Il progetto, ha spiegato il cui direttore generale Marco Piuri, che è anche amministratore delegato della controllata Trenord, prevede l'acquisto di 6 treni Alstom alimentati a idrogeno entro il 2023 per la linea non elettrificata Brescia-Iseo-Edolo, con l'opzione su altri 8 per sostituire l'intera flotta diesel. E' prevista la realizzazione di centrali per la produzione di idrogeno, destinate inizialmente ai nuovi convogli a energia pulita, con un investimento preliminare complessivo di circa 300 milioni.
    Gli obiettivi sono "lo sviluppo di una filiera economica e industriale dell'idrogeno, a partire dal settore della mobilità, l'avvio della conversione energetica di un territorio e la completa decarbonizzazione di una parte significativa del trasporto pubblico locale", ha sottolineato Piuri. "Ora - ha aggiunto - è necessario un quadro stabile di regole tecniche ed economiche e la definizione delle modalità di accesso ai finanziamenti che il Pnrr già riconosce a questo progetto".
    Il primo impianto di produzione, stoccaggio e distribuzione di idrogeno, alimentato a biogas, sarà realizzato entro il 2023 a Iseo (Brescia). Ne seguiranno "uno o due" per l'idrogeno verde lungo il tracciato della linea entro il 2025. E' prevista anche la conversione a idrogeno del trasporto pubblico locale, a partire dai circa 40 mezzi di FnmAutoservizi (100% Fnm), con la possibilità di aprire all'utilizzo alla logistica e ai privati.
    Per il progetto Fnm ha sottoscritto protocollo d'intesa con A2a, Enel Green Power, Eni, Sapio e Snam. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie