Giovani, autonomia un sogno, oltre la metà vive con genitori

Report Cng, 5 anni dopo studi solo il 37% ha un lavoro stabile

(ANSA) - ROMA, 17 MAG - Il percorso verso l'autonomia resta, per molti giovani, un sogno nel cassetto: il 50,3% degli under-35 vive infatti ancora con i propri genitori, mentre circa quattro giovani su dieci (37,9%) vivono da soli o con il proprio partner. Tra coloro che possono contare su un lavoro stabile, il 56,3% ha creato un nucleo familiare, rispetto al 33,5% dei coetanei che non è riuscito a farlo. È uno dei risultati del report realizzato dal Consiglio nazionale del giovani in collaborazione con Eures sulle condizioni e prospettive occupazionali, retributive e contributive degli under-35.
    Dall'indagine emerge, inoltre, come restino sospesi tra discontinuità lavorativa e basse retribuzioni. Completati gli studi, nei cinque anni successivi soltanto poco più di uno su tre (il 37,2%) può contare su un lavoro stabile, il 26% è un precario con contratto a termine ed un quarto degli under-35 (il 23,7%) risulta disoccupato, mentre il restante 13,1% è uno studente-lavoratore.
    "Nel nostro Paese, la discontinuità lavorativa è arrivata a rappresentare una condizione strutturale del mercato del lavoro e il fenomeno della precarizzazione, destinato ad aumentare alla luce della crisi post pandemica, investe inevitabilmente la qualità della vita con conseguenze significative sulla dimensione retributiva dei nostri giovani, anche a causa di un sistema pensionistico messo a rischio dalle passate generazioni", afferma la presidente del Cng, Maria Cristina Pisani. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia



      Vai al sito: Who's Who

      Modifica consenso Cookie