Borsa: Milano prosegue in rosso (-1,8%), con le trimestrali

Male industria e tecnologici, tonfo di Diasorin e di Amplifon

(ANSA) - MILANO, 11 MAG - Continua in rosso la seconda seduta di settimana a Piazza Affari (-1,8%), in una giornata densa di trimestrali e con i dati Istat che registrano un balzo della produzione di auto a marzo, accanto a un calo imprevisto della produzione industriale in generale nello stesso mese, ma con un balzo sul 2020, e prospettive economiche definite "favorevoli" per i prossimi mesi. Unici titoli in positivo del listino principale Banco Bpm (+0,8%) e Bper (+0,4%), con Unicredit piatta (-0,09%), Intesa a perdere qualcosa (-0,8%), come illimity (-0,3%), Popolare di Sondrio (-0,4%) e Fineco (-2,1%), tutte e tre dopo i conti. Meglio, ma ancora debole Mediobanca (-0,1%) diffusa la trimestrale. Tonfo di Diasorin (-4,1%) tra i farmaceutici, e di Amplifon (-4%). Male nell'industria Cnh (-3,7%), tra i tecnologici Stm (-3,6%). Tra i titoli che sembrano patire meno la giornata iniziata male dalle Borse asiatiche, tra paura di inflazione e tecnologici buttati giù dal forte calo del Nasdaq alla vigilia, ci sono Tim (-0,8%) e tra i petroliferi Saipem (-0,7%).
    Tra i titoli a minore capitalizzazione, non ha aiutato la trimestrale per Saras (-1,2%), corsa di Borgosesia (+5,5%) e di Tiscali (+2,8%). Continua bene Cir (+1,5%) a 0,51, sul prezzo dell'opa. Male Ferragamo (-3,5%), che prevede i conti nel pomeriggio, non molto diversamente da altri tutoli del lusso come Cucinelli (-2,7%), e anche Moncler (-2,2%) nel listino principale. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie