Alba Capitale della Cultura d'Impresa, esempio per ripartire

In programma 130 eventi in otto mesi con 300 relatori

(ANSA) - TORINO, 07 MAG - Alba - città del Sud del Piemonte, nota per il vino e il tartufo, ma anche per avere dato i natali ad aziende del calibro della Ferrero - è da oggi Capitale della Cultura d'impresa 2021. Il Pala Alba Capitale, il quartiere generale allestito in piazza San Paolo, è stato inaugurato dal presidente della Regione, Alberto Cirio, dal sindaco Carlo Bo e dal presidente di Confindustria Cuneo, Mauro Gola, con Alberto Gay, presidente di Confindustria Piemonte, Carlo Robiglio, presidente nazionale della Piccola Industria e Antonio Calabrò, presidente di MuseImprese. Il programma - slittato di un anno a causa del Covid - comprende centotrenta eventi in otto mesi, con trecento relatori, più di venti associazioni e fondazioni coinvolte.
    "Questa manifestazione è un'occasione unica per raccontare la storia che ha portato il nostro territorio a diventare un esempio di produttività", commenta Gola. "E' stato fatto un importante lavoro di squadra che ha consentito di allestire un programma che abbraccia diversi linguaggi. Vogliamo dare un segnale di ripartenza, nel rispetto della salute e della sicurezza di tutti", spiega il direttore di Confindustria Cuneo, Giuliana Cirio. "Il fatto che Alba sia la capitale della cultura d'impresa 2021 dimostra la capacità del territorio di essere un laboratorio di politica industriale in grado di diffondere anche a livello internazionale il Made in Piemonte", sottolinea Gay.
    "I contenuti dei programmi di Alba Capitale della cultura d'impresa raccontano le nostre aziende come comunità produttive, creative, inclusive e testimoniano quanto l'impresa sia un soggetto fondamentale per fare vivere la ripresa, dopo la crisi della pandemia e della recessione" osserva Calabrò. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie