Intesa: nel primo trimestre utile sale a 1,52 miliardi

Nel 2021 dividendo a acconto. Messina, ai vertici in Ue

 Intesa Sanpaolo chiude il primo trimestre dell'anno con un utile netto a 1,52 miliardi di euro, rispetto a 1,15 miliardi dello stesso periodo del 2020. I risultati confermano la capacità di Intesa Sanpaolo di "affrontare efficacemente la complessità del contesto conseguente all'epidemia da Covid-19 e sono pienamente in linea con l'obiettivo di un utile netto per l'anno ampiamente superiore a 3,5 miliardi di euro".
    La banca prevede, oltre ai 694 milioni di dividendi cash per il 2020 da distribuire a maggio 2021, subordinatamente alle indicazioni che verranno fornite dalla Bce, a valere sui risultati del 2020, una distribuzione del dividendo cash da riserve, possibilmente entro la fine del 2021, che porti al pagamento di un ammontare complessivo corrispondente a un payout ratio pari al 75% dei 3.505 milioni di euro di utile netto rettificato. Previsto anche, a valere sui risultati del 2021, il pagamento di un ammontare di dividendi cash corrispondente a un payout ratio pari al 70% dell'utile netto, da distribuire in parte come acconto nell'anno in corso (1.061 milioni di euro già maturati nel primo trimestre 2021).
    "Il ruolo di forte spinta alla ripresa della crescita che Intesa Sanpaolo potrà giocare si basa sui livelli di efficienza, redditività e solidità, che ci collocano ai vertici di settore in Europa", afferma il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia

        Ultima ora



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie