Confindustria: si intravede la risalita, più vicino rimbalzo

'Ancora rischi ma con i vaccini per il Pil è atteso buon terzo trimestre'

"Nel primo trimestre del 2021 si riduce l'intensità del calo tendenziale del Pil che passa dal 6,6% del trimestre precedente all'1,4%". E' il commento dell'Istat alla stima preliminare del trimestre. Il prodotto interno lordo (Pil), corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell'1,4% in termini tendenziali. La nuova contrazione, "di entità più contenuta" rispetto a quella registrata nel quarto trimestre del 2020, "risente, in particolare per il settore terziario, degli effetti economici delle misure adottate a contrasto dell'emergenza sanitaria".

"L'economia italiana intravede la risalita dalla crisi, in linea con l'Europa", rileva il centro studi di Confindustria con la sua analisi mensile 'congiuntura flash', e avverte. "Il mondo è già ripartito". Il Pil è "più vicino al rimbalzo": in "Italia sono iniziati da aprile i primi allentamenti delle restrizioni anti-Covid. Ciò condurrà nel secondo trimestre a un piccolo segno positivo del Pil", "si conferma lo scenario in cui un forte rimbalzo si avrà nel terzo trimestre, grazie al crescere delle vaccinazioni", anche se "restano rischi al ribasso". Dal Pnrr "arriverà un aiuto alla ripresa già nella seconda metà del 2021". 

Il primo trimestre 2021 vede la perdita di 254mila occupati rispetto al trimestre precedente. Il livello dell'occupazione è inferiore dell'1,1%, secondo i dati Istat. Nel trimestre aumentano sia le persone in cerca di occupazione (+2,4%, pari a +59mila) sia gli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+1,0%, pari a +134mila unità).

Prosegue anche a marzo 2021 "la lieve crescita dell'occupazione registrata a febbraio", secondo l'Istat che registra 34 mila occupati in più rispetto al mese precedente (+0,2%). Rispetto a marzo 2020, il primo mese di lockdown gli occupati sono 565mila unità in meno, e rispetto a prima della pandemia, a febbraio 2020, quasi 900 mila in meno. La crescita dell'occupazione coinvolge gli uomini, i dipendenti a termine, gli autonomi e quasi tutte le età. I 35-49enni diminuiscono così come le donne e i dipendenti fissi. Il tasso di occupazione sale al 56,6% (+0,1 punti) e risulta più basso di 2 punti rispetto al livello pre-Covid. Il tasso di disoccupazione sale tra i giovani al 33% a marzo tornando al livello di gennaio, che era stato il più alto degli ultimi anni, a partire da aprile 2018.
    L'aumento rilevato dall'Istat è, rispetto a febbraio, di 1,1 punti percentuali e, rispetto a marzo 2020, di 5,4 punti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie