Covid: Istat,quasi metà imprese strutturalmente a rischio

Solo 11% risulta solido. Valore aggiunto industria -11%

(ANSA) - ROMA, 07 APR - Una "mappa della solidità" delle imprese indica che "circa il 45% di esse è strutturalmente a rischio: esposte a una crisi esogena, subirebbero conseguenze tali da metterne a repentaglio l'operatività". Queste imprese sono "numerose" nei settori a basso contenuto tecnologico e di conoscenza. All'opposto, "solo l'11% risulta solido, ma spiega quasi la metà dell'occupazione e oltre due terzi del valore aggiunto complessivi". È quanto emerge dal Rapporto 2021 sulla competitività dei settori produttivi reso noto dall'Istat.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie