Bayer: in 2020 rosso 10,5 mld con svalutazioni, tengono ricavi

Quarto trimestre chiuso in utile per 308 milioni

Bayer chiude il 2020 con un rosso di 10,5 miliardi di euro con svalutazioni rispetto all'utile di 4,1 miliardi dello scorso anno. Il quarto trimestre si è chiuso in utile per 308 milioni, in calo del 78,2% rispetto a 1,4 miliardi del pari periodo dello scorso anno. Le vendite ammontano a 41,4 miliardi di euro (43,5 mld 2019), influenzate da effetti valutari negativi di 1,941 miliardi di euro.
    "Se si escludono gli effetti valutari negativi, l'utile core per azione sarebbe stato di poco inferiore a sette euro, che è quasi il livello a cui avevamo puntato prima della diffusione della pandemia", sottolinea il presidente, Werner Baumann.
    Il dividendo proposto è di 2,00 euro per azione (era 2,80 euro nel 2019). Per quanto riguarda le prospettive per il 2021 è prevista una solida crescita operativa con utili stabili a valute costanti. Il gruppo inoltre stima un impatto negativo di circa 8 miliardi di euro dai pagamenti legati a risoluzioni di controversie. 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia



      Vai al sito: Who's Who

      Modifica consenso Cookie