• Poste, con sfida Covid -10,2% l'utile 2020. +18,7% nel quarto trimestre

Poste, con sfida Covid -10,2% l'utile 2020. +18,7% nel quarto trimestre

Del Fante, 'solide basi'. Cedola +5%. Pacchi record. Bene risparmio postale

(ANSA) - ROMA, 17 FEB - "Nonostante il primo e più duro lockdown abbia avuto un impatto grave sull'operatività per un quarto dell'anno, la resilienza dei nostri business ha portato nel 2020 ad un utile netto di 1,2 miliardi di euro", sottolinea l'a.d. di Poste Italiane, Matteo Del fante, annunciando i risultati preliminari dell'esercizio 2020. "Di conseguenza - indica - è nostra intenzione proporre un dividendo di 0,486 euro che rappresenta un incremento del 5% anno su anno".

    Il gruppo Poste Italiane chiude il 2020 con un risultato netto in calo del 10,2%, i ricavi sono in calo del 4% a 10,526 miliardi.
    In forte crescita i conti conti degli ultimi quattro mesi del 2020 che si chiudono con un utile netto in miglioramento del 18,7% rispetto allo stesso periodo del 2019, a 308 milioni; +1,4% i ricavi a 2,96 miliardi; l risultato operativo (Ebit) cresce del 19,6% a 280 milioni. "Poste Italiane ha riportato risultati solidi nel quarto trimestre, con tutti i segmenti che hanno contribuito alla progressione della redditività operativa, gettando solide basi per la crescita futura di tutte le nostre attività", commenta Del Fante.

    Dai risultati emerge che con 210 milioni di pacchi consegnati nel 2020 i volumi sono più che raddoppiati dal 2016: la crescita dei ricavi dei pacchi nel quarto trimestre "per la prima volta più che compensa il calo dei ricavi da corrispondenza". In evidenza anche la raccolta netta del risparmio postale che, con un deflusso di 0,6 miliardi, è su livelli "record dal 2012".

"Siamo pronti ad affrontare il futuro, facendo leva sui punti di forza del nostro business e supportati dalla nostra visione strategica che si è già dimostrata capace di anticipare i principali trend", dice Matteo Del Fante, che sottolinea:  "Abbiamo ottenuto ottimi risultati, perseguendo le nostre priorità strategiche", sottolinea: "Abbiamo semplificato il business retail e abbracciato il passaggio al digitale, in modo da poter servire i nostri clienti nel modo in cui vogliono essere serviti. Oggi più che mai Poste Italiane è considerata dagli italiani come l'istituzione di riferimento".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie