Navigator in piazza, il 'nostro lavoro è a rischio'

In 2.700 sono con il contratto in scadenza il 30 aprile

   "Dalla parte dei più fragili con le parole e con i fatti". È scritto sui cartelli dei 'Navigator', che sono scesi in piazza, a Roma davanti a Montecitorio e in diverse città d'Italia tra cui Napoli, in piazza del Plebiscito e Torino, in piazza Castello, a pochi mesi dalla scadenza del contratto. Il 30 aprile, in assenza di rinnovi, i circa 2.700 lavoratori assunti per la ricerca del lavoro dei beneficiari del reddito di cittadinanza perderanno il posto di lavoro.
    Felsa Cisl, Nidil Cgil e UilTemp hanno proclamato la mobilitazione nazionale, con presidi davanti alla Camera e alle prefetture a partire dalle 10 e mezza di stamattina, per chiedere la valorizzazione di queste professionalità, il rafforzamento delle politiche attive del lavoro e la continuità occupazionale.
    "Al momento di prospettive ne abbiamo poche perché il 30 aprile scadrà il nostro contratto. Noi però siamo qui perché vogliamo essere parte delle politiche attive", dice una delle navigator in piazza, Rossella, in un video postato su Twitter dalla Cgil di Napoli. "Se ne parla tanto - continua Rossella - e se ne parlerà ancora di più soprattutto alla luce della crisi che il Covid-19 ha lasciato, soprattutto perché a breve ci sarà il termine del blocco dei licenziamenti e siamo sicuri che tante persone avranno ancora bisogno di aiuto". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie