Pil: Upb, in 2022 effetto Recovery, ma resta sotto 2019

Per stime crescita del 4,3% quest'anno e del 3,7% il prossimo

Quest'anno la crescita del Pil sarebbe pari al 4,3 per cento, inferiore a quanto ipotizzato dalla NaDef, mentre nel 2022, grazie anche al contributo del Recovery Plan, il prodotto aumenterebbe del 3,7 per cento, "attestandosi su un livello comunque inferiore a quello del 2019". E' la previsione contenuta nell'ultima nota sulla congiuntura dell'Ufficio parlamentare di bilancio. "Sul quadro macroeconomico a medio termine permangono, peraltro, fattori di rischio, prevalentemente orientati al ribasso", precisa l'Upb.
    Le incertezze sono legate all'andamento dei contagi e alla parallela prosecuzione del piano vaccinale, alla gestione delle risorse e all'attuazione dei progetti del Recovery Plan e ai tempi e modi del rientro del debito. 
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video Economia



    Vai al sito: Who's Who

    Modifica consenso Cookie